Quattromila composti chimici nel…

Il database è accessibile…

Alzheimer: fibrille proteine tau…

Le malattie del cervello …

Una Farmacopea con meno burocraz…

L’Istituto Superiore di…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Tumori al rene: promettente la r…

Uno studio verifica la si…

Dolore: i medici potranno sentir…

L'arma segreta dei grandi…

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per un…

NeoStem, con base nel New…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Biotecnologie dedicate al "sorri…

Secondo un vecchio detto,…

Leucemia linfoblastica acuta phi…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo: studio svedese dimostra che è regolato anche da batteri intestinali

Una nuova ricerca dell’Universita’ di Goteborg in Svezia ha dimostrato che il metabolismo del colesterolo e’ regolato dai batteri dell’intestino tenue.batteri_intestinaliLa scoperta sara’ molto importante per lo sviluppo di nuovi farmaci per le malattie cardiovascolari correlate al fattore di rischio colesterolo. La ricerca ha rivelato che i batteri intestinali riducono la sintesi della bile nel fegato attraverso la segnalazione di una specifica proteina, nota come recettore FXR, dal piccolo intestino. “I farmaci che riducono i livelli di colesterolo hanno, negli ultimi anni, notevolmente ridotto i decessi per malattie cardiovascolari”, ha spiegato Sama Sayin, medico dell’Accademia Sahlgrenska dell’Universita’ di Goteborg e primo autore dello studio.


“Il nostro studio – ha continuato – costituisce un passo in avanti in questa direzione perche’ abbiamo dimostrato come i batteri intestinali regolano la formazione degli acidi biliari a partire dal colesterolo. Se la ricerca futura sara’ in grado di identificare i batteri specifici che influenzano la segnalazione di FXR nell’intestino, riusciremo a teorizzare nuovi modi per trattare il diabete e le malattie cardiovascolari”. La ricerca ‘Gut microbiota regulates bile acid metabolism by reducing the levels of tauro-betamuricholic acid, a naturally occurring FXR antagonist’ e’ stata pubblicata sulla rivista ‘Cell Metabolism’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!