Colesterolo alto: pronto macchin…

Alcuni pazienti sono gene…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

DAPHNE LAB, biomedica italiana a…

Già presente in Italia co…

Pediatria - Estate e bambini: us…

Roma, 26 luglio 2012 – L’…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Gene invecchiamento legato all'i…

Un gene che aiuta a c…

Big Pharma, il cento per cento d…

I settori principali sono…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Asma: gli ftalati sono una causa…

Due comuni ftalati utiliz…

Talassemia: il deferiprone si ri…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come i batteri resistenti agli antibiotici possono essere indeboliti

Invece che combattere ‘direttamente’ i batteri resistenti agli antibiotici e’ possibile indebolirli e renderli attaccabili da parte dei comuni antibiotici.batteri Lo ha dimostrato, finora solo in laboratorio, uno studio della Harvard University pubblicato da Nature Biology.


I ricercatori si sono concentrati sulle ‘specie reattive all’ossigeno’ (Ros), delle molecole prodotte dal metabolismo che se presenti in grande quantita’ possono uccidere la cellula del batterio. Il meccanismo di azione degli antibiotici, spiegano gli autori, e’ proprio quello di aumentare la produzione dei Ros. Nello studio sono stati ‘spenti’ diversi geni, e sono stati trovati quelli senza i quali la quantita’ di queste sostanze aumenta, rendendole piu’ attaccabili dagli antibiotici: “Ora cercheremo esattamente quale molecola puo’ aumentare la produzione dei Ros – spiegano gli autori – e verificheremo se lo stesso approccio si puo’ usare su altri batteri”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x