Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

Trapianto valvola aortica senza …

Si impianta senza punti d…

Radiografie ai denti: troppe, au…

Le persone che hanno effe…

Dalla vita delle staminali ripar…

[caption id="attachment_1…

Pochi alimenti, i neuroni dell'i…

A differenza degli altri …

Anche i cibi biologici possono a…

Regimi alimentari sani s…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Per combattere le micosi cutanee…

Al via una campagna edu…

Gestione del dolore, istruzioni …

 La guerra contro la soff…

La proteina promoter dell'incont…

Il recettore delle cellul…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come i batteri resistenti agli antibiotici possono essere indeboliti

Invece che combattere ‘direttamente’ i batteri resistenti agli antibiotici e’ possibile indebolirli e renderli attaccabili da parte dei comuni antibiotici.batteri Lo ha dimostrato, finora solo in laboratorio, uno studio della Harvard University pubblicato da Nature Biology.


I ricercatori si sono concentrati sulle ‘specie reattive all’ossigeno’ (Ros), delle molecole prodotte dal metabolismo che se presenti in grande quantita’ possono uccidere la cellula del batterio. Il meccanismo di azione degli antibiotici, spiegano gli autori, e’ proprio quello di aumentare la produzione dei Ros. Nello studio sono stati ‘spenti’ diversi geni, e sono stati trovati quelli senza i quali la quantita’ di queste sostanze aumenta, rendendole piu’ attaccabili dagli antibiotici: “Ora cercheremo esattamente quale molecola puo’ aumentare la produzione dei Ros – spiegano gli autori – e verificheremo se lo stesso approccio si puo’ usare su altri batteri”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x