Rene rigenerato negli USA dalle …

Un'équipe medica del …

Asma: anche in Italia inizio tes…

Sono iniziati anche in Eu…

Il gene della Palachitosi, final…

[caption id="attachment_1…

Il sole: il piu' grande stimolat…

[caption id="attachment_6…

Spondilite anchilosante: individ…

Una ricerca ha identifica…

Interpretare l'alfabeto del cont…

Scienziati del Karolinska…

Fibrosi cistica: gli estrogeni p…

Pubblicato sul "New Engla…

Stimolazione ovarica in età avan…

I farmaci per la stimolaz…

L’operato di A.L.I.Ce. Italia on…

Cuneo, 14 Giugno 2011 - S…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Come i batteri resistenti agli antibiotici possono essere indeboliti

Invece che combattere ‘direttamente’ i batteri resistenti agli antibiotici e’ possibile indebolirli e renderli attaccabili da parte dei comuni antibiotici.batteri Lo ha dimostrato, finora solo in laboratorio, uno studio della Harvard University pubblicato da Nature Biology.


I ricercatori si sono concentrati sulle ‘specie reattive all’ossigeno’ (Ros), delle molecole prodotte dal metabolismo che se presenti in grande quantita’ possono uccidere la cellula del batterio. Il meccanismo di azione degli antibiotici, spiegano gli autori, e’ proprio quello di aumentare la produzione dei Ros. Nello studio sono stati ‘spenti’ diversi geni, e sono stati trovati quelli senza i quali la quantita’ di queste sostanze aumenta, rendendole piu’ attaccabili dagli antibiotici: “Ora cercheremo esattamente quale molecola puo’ aumentare la produzione dei Ros – spiegano gli autori – e verificheremo se lo stesso approccio si puo’ usare su altri batteri”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi