Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Test universitario USA migliora …

Una ricerca americana ha …

Sindrome di Meniere: nasce l'ass…

Crisi di vertigini con al…

Campagna rottamazione biberon al…

Fai la cosa giusta: al vi…

Dieta mediterranea: toccasana pe…

Altro che Viagra. Pesce, …

IPERTENSIONE: PREMIO INTERNAZION…

PRESTIGIOSO PREMIO DELLA …

Grazie a finanziamenti dall'UE p…

Alcuni ricercatori, parzi…

I batteri intestinali sintetizza…

Il cancro al colon-retto …

Considerati eccessivi e numerosi…

ORLANDO – Si muore sempre…

Selezione embrionale per preveni…

Sviluppato da un'équipe d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Fibrosi cistica: nuova strategia per combattere le infezioni che possono rivelarsi mortali

Una recente ricerca pubblicata sul Journal of Biological Chemistry suggerisce che la normalizzazione dei livelli della proteina p62 elimina una delle infezioni piu’ pericolose per i pazienti affetti da fibrosi cistica, quella causata dal batterio Burkholderia cenocepacia. fibrosi_cisticaSecondo i ricercatori della Ohio State University, che hanno condotto la sperimentazione sul modello murino di malattia, la normalizzazione dei livelli proteici e’ infatti in grado di riavviare un naturale processo di autofagia che elimina i pericolosi batteri.


Il Burkholderia cenocepacia causa, nei pazienti con fibrosi cistica, una grave infezione polmonare ed e’ resistente a quasi tutti gli antibiotici oggi in commercio. Si stima che circa l’85 per cento dei decessi dei pazienti con fibrosi cistica siano causati proprio da questa infezione. Controllare l’infiammazione prodotta dal batterio puo’ quindi rappresentare una strategia terapeutica di enorme importanza che in futuro potrebbe essere applicata correntemente ai pazienti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!