Epatite B: dal 21 maggio test gr…

Campagna in sei lingue pe…

Cervello: individuata area deput…

Scienziati americani hann…

Boehringer Ingelheim renderà dis…

Ingelheim, 12 maggio, 201…

Bevanda in grado di ricreare ben…

Potrebbe rappresentare la…

Influenza 2016/17: quest’anno sa…

Milano, 19 ottobre 2016 -…

Nuova alleanza a sostegno di 100…

Bruxelles, 29 Novembre. È…

Akosol inventa il PTA Fotodinami…

 Un pool di scienziati è …

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Periodontite: buone nuove per mi…

Dodici milioni di tedesch…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ictus ischemico a tre anni: intervento innovativo mai eseguito su paziente così piccolo, perfetto.

A tre anni e mezzo e’ stata colpita da un ictus ischemico ma e’ stata salvata dai medici con un intervento mai eseguito al mondo su un paziente cosi’ piccolo. Created with The GIMPLa storia a lieto fine arriva da Torino: martedi’ la piccola si sente male e i genitori originari del Bangladesh la portano all’ospedale Maria Vittoria.


In serata viene trasferita in condizioni disperate all’ospedale infantile Regina Margherita dove la dottoressa Gabriella Agnoletti, cardiologa, si accorge subito del problema: un’arteria basilare del cervello ostruita.
Immediatamente vengono chiamati i neurochirurghi delle Molinette e Mauro Bergui esegue una delicata trombectomia: entrando con un catetere venoso dall’inguine arriva fino al cervello dove rimuove il trombo e posiziona uno stent. Intervento riuscito: ora la bimba e’ sveglia, ha ripreso a parlare e a mangiare ed e’ ricoverata nel reparto di pediatria universitaria del Regina Margherita. Ha ancora qualche problema al lato destro del corpo ma i medici confidano che con la fisioterapia possa riprendersi completamente.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi