Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: via sedentaria letale, ma senza demonizzare la TV

La vita sedentaria non fa bene alla nostra salute ma il tempo trascorso a guardare la televisione non incide sui tassi di mortalita’ tra le donne sopravvissute al cancro al seno.cellule_cancerose La scoperta e’ di un nuovo studio statunitense condotto da Stephanie George del National Cancer Institute pubblicato sul Journal of Cancer Survivorship. La ricerca sottolinea che non c’e’ alcuna correlazione tra il guardare la televisione – attivita’ tipica di chi svolge una vita sedentaria – e l’aumento di rischio di morte tra le donne sopravvissute al cancro alla mammella o tra quelle alle quali e’ stato diagnosticato il tumore.


“Questo specifico comportamento sedentario non e’ risultato un fattore di rischio-morte indipendente nelle donne ammalate di cancro al seno”, ha spiegato la George “tuttavia uno stile di vita troppo sedentario non esercita, considerando i nostri dati, un impatto positivo sulla salute delle pazienti”. Lo studio ha dimostrato che l’incidenza del guardare la televisione per molto tempo al giorno sul pericolo di morte e’ irrilevante soprattutto in quelle pazienti coinvolte in un programma settimanale di attivita’ fisica di almeno centoquaranta minuti. .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi