Meningite: un nuovo test super-v…

[caption id="attachment_8…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

“Storie di vita negli anni d’arg…

Una ricerca condotta da F…

EPO: rischio aumento pressione a…

L'uso dell'eritropoietina…

Polmone artificiale: creato il m…

Realizzare un prototipo …

Prostatectomia: non prolunga la …

La prostatectomia, la rim…

SLA: dieta ad alto contenuto cal…

Una dieta ad alto contenu…

Fumatori incalliti: tracciato il…

La predisposizione a dive…

Linagliptin approvato dalla FDA …

Primo inibitore del DPP-4…

Sindrome Ring14: speranza nella …

Far tornare indietro le c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le lesioni parziali del midollo: imparare a controllare i riflessi per camminare meglio

Imparare a controllare i riflessi potrebbe essere una strategia efficace per le persone affette da lesioni incomplete del midollo spinale che vogliono migliorare la propria camminata.midollo_spinale La scoperta arriva da una nuova ricerca condotta dalla Columbia University pubblicata sul Journal of Neuroscience. “Le persone tendono a pensare ai riflessi come a qualcosa di immutabile e fisso ma in realta’ i movimenti normali richiedono un aggiustamento costante dei riflessi da parte del cervello”, ha spiegato Jonathan Wolpaw, tra gli autori dell’indagine. “E’ proprio la perdita di questa capacita’ del cervello a mantenere tutto in equilibrio che influenza l’abilita’ a camminare delle persone con lesioni del midollo spinale” ha precisato Wolpaw.


Quando il cervello decide di muoversi lancia segnali che viaggiano attraverso il midollo spinale ai muscoli appropriati. I riflessi spinali controllati dai circuiti delle cellule nervose locali del midollo forniscono al corpo un modo per reagire e muoversi rapidamente senza la necessita’ di una scelta consapevole del cervello. Si tratta di quei gesti istintivi come lo strattonare rapidamente una mano da una fonte troppo calda. “Dopo una lesione incompleta alcuni riflessi possono indebolirsi o aumentare la propria influenza causando, ad esempio, spasticita’, rigidita’ muscolare o anomalie nel movimento – ha aggiunto l’esperto – il cervello pero’ ha la capacita’ di migliorare o sopprimere questi riflessi alterati”.

Il team di ricercatori ha scoperto che sottoponendo i pazienti alla stimolazione elettrica dei riflessi, questi possono “allenarsi” a controllarli meglio, migliorando la propria capacita’ di camminare correttamente.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi