Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

HIV: studio dimostra dove il vir…

Identificata la regione d…

Vent’anni dei farmaci equivalent…

4 miliardi di risparmi da…

Depressione: livelli di folato e…

Scarsi livelli di vitamin…

Carenza di ferro e anemia: nel m…

Diete sbagliate e disturb…

Cancro orale, presto test della …

Presto sara' sviluppato u…

Dieta ipo-proteica per chi soffr…

Una dieta ipoproteica puo…

Linfoma periferico a cellule T: …

[caption id="attachme…

A Valenza una giornata di inform…

Mercoledì 13 aprile, a Va…

Quando il cervello viene salvato…

Ridurre la temperatura co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stafilococco aureo: allo studio nuove risposte farmacologiche

Il National Institutes of Health (NIH) negli States ha identificato una strategia promettente per lo sviluppo di un nuovo tipo di farmaco per il trattamento delle infezioni causate dallo Staphylococcus aureus, un batterio che resiste spesso agli antibiotici tradizionali.stafilococco I ricercatori hanno scoperto il sistema che permette allo stafilococco di trasportare le tossine che contribuiscono all’insorgenza di gravi patologie infettive. Queste tossine, chiamate moduline fenolo-solubili, hanno guadagnato una gran “fama” negli ultimi anni ,ma la loro diversita’ ha ostacolato gli sforzi volti a sviluppare farmaci di contrasto efficaci.


Il sistema di trasporto di queste tossine e’ stato denominato Pmt, e’ comune a tutti i meccanismi di trasporto degli Staphylococcus aureus e svolge un ruolo cruciale nella proliferazione batterica e nello sviluppo delle infezioni. Gli esperimenti dell’NIH effettuati sui topi hanno dimostrato che la creazione di un farmaco capace di interferire con il sistema Pmt potrebbe essere la soluzione per impedire la produzione di tossine e uccidere direttamente i batteri. Anche se lo studio si e’ concentrato sullo Staphylococcus aureus, gli scienziati sospettano che il Pmt svolga lo stesso ruolo anche in altri stafilococchi come lo S. epidermidis, la principale causa delle infezioni diffuse negli ospedali attraverso strumenti e dispositivi medici come cateteri, pacemaker e protesi. La ricerca e’ stara descritta su Nature Medicine.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!