A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Anemia: gene essenziale in caren…

- Un team di ricercatori …

La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Senescenza cellulare: non rappre…

Le cellule tumorali, inse…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

Cellule in laboratorio: nuova te…

Coltivare in laboratorio …

Osservatorio oncogeriatrico: per…

La vecchiaia inizia a 70 …

Chemioterapia: esperti pronostic…

La chemioterapia sara' de…

AIDS: Laboratorio virtuale per a…

[caption id="attachment_…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Test genetici online: decisamente bocciati come inattendibili dall’Unione Europea

I test genetici predittivi, sempre piu’ diffusi grazie a una diretta accessibilita’ all’acquisto tramite il web, non hanno ad oggi dimostrato di avere una reale valenza clinica.test_genetici Possono, anzi, presentare dei rischi per il consumatore, oltre che un aggravio dei costi a carico del Servizio sanitario nazionale. E’ quanto emerge dall’ultimo Rapporto congiunto EASAC, il Comitato di consulenza delle Accademie Scientifiche Europee, e FEAM, la Federazione delle Accademie Europee di Medicina, intitolato “Test genetici diretti al consumatore per scopi sanitari nell’Unione Europea”. Il rapporto vede tra gli autori Stefania Boccia, Professore associato dell’Istituto di Igiene dell’Universita’ Cattolica di Roma e responsabile del Laboratorio di genomica in Sanita’ Pubblica e Coordinatore nazionale del gruppo GENISAP, presso il Dipartimento di Sanita’ Pubblica del Policlinico A. Gemelli diretto dal prof. Walter Ricciardi.


Sebbene in Italia il fenomeno non sia cosi’ rilevante come negli Usa, e’ documentato un utilizzo piuttosto inappropriato dei test genetici predittivi di suscettibilita’, con ricadute anche sui costi per il Servizio sanitario nazionale. “Al fine di governare la diffusione e l’utilizzo improprio di tali presidii – afferma la professoressa Boccia – per la prima volta in Italia sono state avviate delle specifiche azioni”. Tali azioni sono state finanziate nel contesto delle attivita’ del Centro per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CCM) del Ministero della Salute e in particolare con il progetto denominato Test genomici predittivi: censimento in alcune regioni italiane per l’istituzione di un registro dell’offerta, e promozione di interventi formativi per i medici prescrittori”. [one_fourth last=”no”]

Sondaggio_moto 120x60
[/one_fourth]Tra le iniziative in campo, il progetto prevede la creazione di una piattaforma di e-learning (attiva dal mese di marzo 2013 per un anno, ed accessibile gratuitamente per 2000 utenti medici) a supporto della formazione di medici di medicina generale, medici igienisti, medici specialisti in oncologia, ginecologia e neurologia, ai fini dell’appropriata prescrizione e interpretazione dei test genetici predittivi. Il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, plaude l’impegno della professoressa Boccia nel consesso scientifico europeo di EASAC e FEAM: “La medicina predittiva e’ una delle frontiere del futuro. Ma bisogna evitare che diventi un business. E bisogna fare in modo che si ispiri al criterio dell’appropriatezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: