Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

Diagnosi di tumori al seno: le p…

Le protesi al seno rendon…

Igiene orale: i batteri possono …

Non lavarsi i denti può f…

Primo intervento alla prostata i…

Via il tumore alla pros…

Presentati a Camposampiero due i…

[caption id="attachment_3…

Fluoro: un metodo innovativo per…

Il fluoro e' ampiame…

il centro Nerviano Medical Scien…

[caption id="attachment_6…

Biomarcatori e rischi cardiovasc…

[caption id="attachment_1…

Chiesi è la prima a sottomettere…

Innovazione italiana  nel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali: nuova procedura congelamento aumenta la disponibilità delle cordonali

Per garantire il successo di un trapianto di cellule staminali provenienti dal sangue cordonale e’ necessario disporre di una grande quantita’ di queste cellule.La quantita’ di cellule staminali isolate dal sangue cordonale non e’, tuttavia, sempre sufficiente a soddisfare tale requisito.cordonale

I ricercatori dell’Etablissement Francais du Sang, Aquitaine-Limousin (Francia) hanno messo a punto un metodo capace di moltiplicare le cellule estratte dal cordone ombelicale per ottenerne la quantita’ necessaria. Gli studi attualmente condotti dal dottor Ivanovic e dai suoi collaboratori (Etablissement Francais du Sang Aquitaine-Limousin), insieme ad un team di ricercatori di Cryo-Save, hanno dimostrato che le cellule staminali in coltura, possono essere congelate e scongelate senza effetti negativi sulla loro qualita’. Cio’ rappresenta un passo importante per il successo dei trapianti in pazienti per i quali e’ disponibile un numero ridotto di cellule staminali.

La nuova tecnica di crioconservazione sviluppata, ha fornito risultati migliori rispetto all’impiego di crioprotettori standard per il ripristino delle cellule staminali espanse.

La procedura espansione/congelamento/scongelamento produce un numero di cellule staminali da sangue cordonale sufficiente per un singolo trapianto, aumentando cosi’ la disponibilita’ di sangue cordonale per il paziente e riducendo i costi dei trapianti con unita’ doppie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi