Rush finale per la 2a edizione d…

Scade il prossimo 31 ot…

Vasi sanguigni funzionali da cel…

Le cellule staminali pl…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Un algoritmo permettera' ad un P…

[caption id="attachment_5…

Tumore alla prostata: presto il …

Prossimi gli esiti dei pr…

Il gene TERC causa dell'invecchi…

[caption id="attachment_5…

Tumore al cervello: scoperta la …

[caption id="attachment_1…

Akitalab, un progetto indipenden…

[DAL SITO] 1° Ricerca Ita…

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

La possibilita' di un vaccino an…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Nano-spugne, per rilascio intelligente e graduale di farmaci

Un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Firenze e del CNR ha scoperto un nuovo materiale ‘intelligente’, potenzialmente capace di rilasciare un farmaco in una superficie di pochi nanometri, nella misura e nella concentrazione desiderata e nei tempi prestabiliti.nanospugne

Il materiale funziona come una sorta di spugna, grande pochi nanometri (nano-spugna), in grado di essere caricata di sostanze farmacologicamente attive. Al suo interno vengono disperse nano-particelle d’oro che, sollecitate da impulsi di luce ad opera di un laser, aumentano localmente la temperatura provocando il rilascio controllato della molecola farmaco. La ricerca e’ stata oggetto di un articolo (‘Light-responsive nanocomposite sponges for on demand chemical release with high spatial and dosage control’) della rivista Journal of Materials Chemistry B.

L’equipe di ricerca e’ guidata da Luigi Dei, Direttore del Dipartimento di Chimica ‘Ugo Schiff’ dell’Universita’ di Firenze, e da Paolo Matteini e Roberto Pini, dell’Istituto di Fisica Applicata ‘Nello Carrara’ del CNR (IFAC-CNR). ”La ricerca ha richiesto un approccio multidisciplinare e un anno e mezzo di lavoro – spiegano i coordinatori – cercavamo un materiale che avesse alcune specifiche proprieta’ chimico fisiche e simulasse l’azione della spugna. Oggi abbiamo individuato un biopolimero poroso capace di inglobare nano-particelle d’oro in grado di catturare la luce laser.

Una volta intriso del principio attivo, il biopolimero poroso riesce poi a spremerlo fuori nel punto, nei tempi e nella quantita’ programmati, grazie agli incrementi di temperatura originati dagli impulsi di luce. Ora che abbiamo trovato il materiale ci concentreremo sulle prove in vivo – proseguono i ricercatori – poi tutto dovra’ essere miniaturizzato e ingegnerizzato fino ad arrivare al prototipo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: