Dermatiti da contatto o allergic…

Smalti e fiorellini sulle…

Scoprire e trattare l’intolleran…

Milano, 16 dicembre 2013 …

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Il biosimilare ha tutte le crede…

Roma, 22 ottobre 2014. “L…

Durante le prime fasi dello svil…

[caption id="attachment_1…

Un fattore chiave per la maturaz…

[caption id="attachment_8…

Progetto Tevere arruola 16.000 d…

[caption id="attachme…

Mele, FIMP: si al dibattito di a…

I pediatri di famiglia in…

Fumatori: maggiore il rischio di…

I consumatori di tabacco,…

Chirurgia toracica video-assisti…

Presso il Centro Congre…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Batteri acneici a protezione della pelle: nuove scoperte

I batteri che causano acne vivono sulla pelle di ciascuno, ma una persona su 5 e’ cosi’ fortunata da sviluppare solo occasionalmente i brufoli nel corso della vita.batteri_acne Qual e’ il segreto? A questa domanda ha cercato di rispondere uno studio della University of California, Los Angeles, che ha scoperto che i batteri dell’acne contengono ceppi ”cattivi” associati con i brufoli e ceppi ”buoni” che proteggono la pelle. La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Journal of Investigative Dermatology e potrebbe portare a nuove terapie che prevengono e trattano disordini che possono anche sfigurare la pelle.


”Non tutti i batteri acneici innescano i brufoli, ci sono ceppi che potrebbero anche aiutare la pelle a mantenersi in salute”, ha spiegato David Geffen, che ha condotto lo studio. Gli scienziati hanno studiato il genoma del batterio Propionibacterium acnes. ”Abbiamo scoperto che un ceppo di P. acnes e’ comune nelle pelli sane e viene trovato di rado nelle pelli acneiche. Crediamo che questo ceppo contenga un meccanismo naturale di difesa contro le infezioni della pelle e potrebbe essere incrementato usando semplicemente una crema o una lozione”, ha spiegato il ricercatore.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi