Biosimilari: le buone regole per…

Roma, 4 novembre 2014. E’…

POLICLINICO MILANO SVELA SEGRETO…

Milano, 6 giu. (Adnkronos…

Fecondazione "in vitro": nasce i…

E' nato in Inghilterr…

HIV: una tecnica genica rende ce…

Cellule immunitarie ingeg…

Allo studio un fungo termofilo p…

Gli scienziati hanno reso…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

“Artrosi: una signora intrattabi…

Sono quattro le tappe del…

Vitamina C: a scopo preventivo c…

Vitamina C contro il raff…

Ricerche fondamentali per la vit…

[caption id="attachme…

Antidoto per rivaroxaban. Porto…

L’insieme di dati, con le…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo alto: pronto macchinario simile a dialisi per rimuoverlo dal sangue

Alcuni pazienti sono geneticamente inclini ad avere livelli pericolosamente alti di colesterolo nel sangue, che nessuna dieta, esercizio fisico o farmaco è in grado di ridurre, facendoli rientrare a livelli di sicurezza.colesterolo Il problema, chiamato ipercolesterolemia familiare, si verifica circa in una persona su 500, con casi più o meno gravi: il colesterolo può risultare da 3 a 5 volte più alto del normale, esponendo il paziente al rischio di malattie cardiovascolari.

Per affrontare questo disturbo è stato messo a punto un trattamento chiamato ‘Ldl aferesi’, simile a dialisi, che ‘lava’ il sangue dal grasso in eccesso: una volta ogni due settimane, il paziente passa da due a quattro ore collegato a un’unità di aferesi che rimuove il 70-80% del colesterlo Ldl, quello ‘cattivo’. Il colesterolo Hdl, quello ‘buono’ non viene rimosso.

[one_fourth last=”no”]




[/one_fourth]
Anche in Italia vari centri ospedalieri offrono questa opzione, ma su ‘ScienceDaily’, viene citato il servizio offerto alla Loyola University di Chicago, destinato ai pazienti che non sono riusciti a controllare il loro colesterolo con i cambiamenti dello stile di vita e con i farmaci. Fra loro c’è Tobias, 56 anni, che ha visto morire entrambi i genitori a 40 anni e i due fratelli ancora più in giovane età per un infarto. Anche Tobias ha subìto il primo attacco di cuore a 37 anni e un secondo a 45, ai quali sono seguiti cinque bypass e otto stent. “L’Ldl aferesi è un trattamento salvavita per me – dice – se smettessi probabilmente avrei un altro infarto entro due anni”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi