Parkinson: studi su topo con il …

[caption id="attachment_7…

Immuni al virus dell'AIDS: si sc…

Praticamente immuni al vi…

Aspirina: messa a punto quella c…

Una nuova forma di aspiri…

Epilessia: prodotto efficiente a…

L'ezogabina, un farmaco u…

All’Istituto San Carlo open day…

Busto Arsizio (VA), maggi…

Contro la salmonella arriva il p…

Si chiama Bdellovibrio ed…

Teva: completato l'arruolamento …

Gerusalemme, 22 giugno 20…

Medicina: al via la campagna naz…

Lotta al dolore: al via u…

Epilessia, scoperta cura genica…

[caption id="attachme…

AIDS: farmaci antiretrovirali pr…

Una singola dose di farma…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

In neurologia gli equivalenti offrono risparmi e innovazione

assogenericiAffrontato a Milano il tema dell’uso del farmaco generico nel trattamento delle malattie neurologiche in un convegno organizzato da  AssoGenerici in collaborazione con l’Istituto Carlo Besta di Milano. Ribadito il valore in termini di sostenibilità delle cure, ma sottolineato il ruolo che il generico può avere nella ricerca di nuove indicazioni per farmaci già noti. “Una prospettiva di innovazione alla quale vogliamo contribuire” ha detto il presidente dell’Associazione, Enrique Häusermann

Roma, 26 marzo 2013 – “Un convegno importante, che illumina da una prospettiva differente il ruolo che il farmaco equivalente può e deve avere nel contribuire non soltanto alla sostenibilità economica dell’assistenza farmaceutica, ma anche al suo miglioramento; per questo ringrazio l’Istituto Neurologico Carlo Besta per averci affiancato nell’organizzazione di questo momento di studio e confronto”.  Questa la dichiarazione del presidente di AssoGenerici, Enrique Häusermann, al termine del Convegno “Il farmaco generico per il trattamento delle malattie neurologiche” svoltosi oggi a Milano e organizzato con l’IRCCS milanese, una delle strutture di eccellenza nella cura e nella ricerca in questo settore.

La prima parte del Convegno è consistita nella revisione sistematica dei concetti che stanno alla base del concetto stesso di equivalente: le caratteristiche farmacologiche, illustrate dal direttore dell’Istituto Mario Negri di Milano, professor Silvio Garattini, il quadro normativo, trattato dalla professoressa Paola Minghetti, della facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Milano, e l’aspetto sperimentale connesso alle pratiche regolatorie, dettagliato dal dottor Enrico Magni, consulente scientifico di AssoGenerici.

Nella seconda parte, è stata invece al centro dei lavori la neurologia come banco di prova importante  per valutare le potenzialità degli equivalenti. Innanzitutto nell’allargare la platea dei pazienti trattati nel modo più adeguato: “Le patologie del sistema nervoso centrale hanno un primato di cronicità, comportano spesso gravi disabilità e pur contando su terapie efficienti nel ridurre i sintomi, non conoscono terapie efficaci nella risoluzione della malattia. Di qui la necessità anche di ridurre i costi” ha detto il professor  Ferdinando Cornelio, direttore scientifico della Fondazione Besta, sottolineando anche il fatto che in neurologia pesi ancora un aspetto di ineguaglianza nell’acceso alle cure ottimali.

Nel corso dei lavori non sono state trascurate le criticità che l’uso degli equivalenti può incontrare in neurologia, come nel caso della sostituzione tra branded e generico nel trattamento dell’epilessia o del Parkinson, nei pazienti già in cura, criticità che però, è stata la conclusione condivisa, potrebbe essere superata avviando programmi di farmacovigilanza mirati alla segnalazione dei casi di inefficacia. Un’ipotesi, questa, che la dottoressa Fernanda Ferrazin, dirigente dell’Ufficio di Farmacovigilanza dell’AIFA, ritiene percorribile. Ma dal confronto delle esperienze dei medici del Besta è emersa anche l’altra potenzialità del generico: il contributo all’innovazione. Come ha spiegato Renato Mantegazza, responsabile dell’UO Complessa Malattie Neuromuscolari e Neuroimmunologia, “oggi al ricercatore si prospetta la necessità di studiare la possibilità di nuove indicazioni terapeutiche per farmaci già noti – emblematico il caso delle statine nel trattamento della sclerosi multipla – e la disponibilità degli equivalenti, altrettanto sicuri e meno costosi, permette di ridurre le risorse necessarie a condurre gli studi in aree oggi svantaggiate dal punto di vista terapeutico quali la neurodegenerazione, la neuroprotezione e la neuroimmunologia. Il farmaco equivalente, quindi, come risorsa non solo per ridurre “le disuguaglianze nell’accesso alle terapie che ancora sono alla base della disabilità di molti pazienti neurologici” ma anche per allargare il numero dei trattamenti disponibili. “Una prospettiva alla quale i produttori di farmaci equivalenti sono pronti a contribuire” ha commentato Enrique Häusermann “coerentemente ai valori di responsabilità sociale che da  sempre sono alla base della nostra attività”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!