Dal liquido amniotico prelevare …

[caption id="attachme…

Boehringer Ingelheim ha sottomes…

• La prima sottomiss…

Ftalati in età pediatrica respon…

L'esposizione a sostanze …

Termites' digestive system could…

One of the peskiest h…

Dall'ormone della fame un aiuto …

Scoperta una nuova via me…

Herpes zoster: studi lo consider…

[caption id="attachme…

Glioblastoma: studio del CNR spi…

È un tumore cerebrale che…

Ospedali di qualità a misura di …

Esce oggi il nuovo bando …

L’Italia dice addio alla fenform…

L’allarme, lanciato …

Pillole con estradiolo naturale:…

Contraccezione orale su m…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La molecola che cancella i cattivi ricordi: in Francia proseguono gli studi

Si estendono gli studi su una molecola, il propranololo, che sembra in grado di attenuare i cattivi ricordi nella nostra memoria. Ecco a che punto siamo.

PARIGI – Sembra una storia uscita dal film “Se mi lasci ti cancello”, con Jim Carrey. E invece si tratta dei progressi di uno studio concentrato su una medicina che potrebbe cambiare la vita delle persone che hanno subito traumi come un’aggressioni o incidenti stradali. Dal 2007, il Laboratorio di stress traumatico di Tolosa, in Francia, lavora su una molecola, il propranololo, che attenua i cattivi ricordi della memoria. Una quarantina di persone, tra Tolosa, Montreal, e Boston, hanno già goduto di queste ricerche che si estenderanno adesso a nuovi pazienti di Lille, Tours e in Martinica.propranololo

“Il propranololo è un medicinale generico conosciuto da una decina d’anni che era destinato al trattamento del mal di testa o dell’ipertensione”, spiega il professor Philippe Birmes, direttore del laboratorio di Tolosa, citato dal settimanale La Parisienne. “Somministrando questa molecola ai nostri pazienti – ha aggiunto – abbiamo visto che la carica emotiva legata a questi ricordi traumatici diminuiva”.

Va detto che gli effetti del propranololo già si conoscono dagli inizi degli anni Novanta. L’ultima volta in cui la molecola finì sotto ai riflettori dei media, prosegue è stato appena un anno fa, quando i medici dell’università di Oxford conclusero che la molecola riduceva “i pregiudizi razziali inconsci”. La scienziata incaricata delle ricerche dichiarò allora che lo studio sarebbe stato esteso ad “altri pregiudizi, come l’appartenenza religiosa o l’omosessualità”.

Adesso questi test in Francia potrebbero arricchire i dati nelle mani degli studiosi. E, chissà, farci immaginare un giorno

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!