Fibrosi cistica: malattia geneti…

La lotta alla fibrosi cis…

Emicrania: scatoletta a impulsi …

[caption id="attachment_6…

Cresce la raccolta di sangue al …

Oltre 16mila sacche d…

Malattie cardiovascolari: protei…

Una proteina prodotta dal…

Trapianto autologo cellule stami…

Significativi i miglioram…

Psoriasi: rischia l'insorgenza d…

Le persone affette da for…

La Soia transgenica in Europa ot…

La Commissione europea ha…

Microalbuminuria e rischi cardio…

[caption id="attachme…

Test rapido per diagnosticare l'…

Sviluppato un nuovo appro…

La cultura "di ferro" anti-anemi…

Le ragazze italiane a…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neonati prematuri: quali sono le linee guida per rinforzare il loro sistema immunitario

Nel mondo, sono circa 15 milioni i neonati che ogni anno nascono prematuri. Più di un bambino su dieci. In Italia, il fenomeno è in crescita, con circa 45 mila bambini che vengono alla luce prima della 37ma settimana di età gestazionale.   Il 7% delle nascite complessive in un anno.  “Oggi il numero dei bambini prematuri che sopravvivono e che un tempo erano destinati a morire è in costante aumento – sottolinea Susanna Esposito dell’Università degli Studi di Milano e presidente Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (Sitip) – grazie al progresso che è stato fatto in termini di trattamento e di cura. Restano alcuni rischi per questi piccoli, primo fra tutti quello di contrarre infezioni: nel 20%-40% dei casi, infatti, si verifica un episodio di sepsi, un’infezione sistemica dovuta alla presenza di batteri nel circolo sanguigno, che richiede il ricovero dei piccoli, con cifre in costante aumento nelle Unità di Terapia Intensiva Neonatale“.  

Difese immature – Il nato pretermine è particolarmente esposto alle infezioni: da un lato ha un sistema immunitario non ancora completamente formato, dall’altro lato il tipo di terapia a cui alcuni di questi bambini vengono sottoposti, per favorire funzioni vitali non adeguatamente sviluppate, può rappresentare di per sé un fattore di rischio.

Nei primi mesi di vita l’immaturità del sistema immunitario è in parte compensata dagli anticorpi che il bambino riceve dalla madre durante la gravidanza, ma per i neonati nati prematuri non c’è stato abbastanza tempo per questo “regalo” materno. Il bambino nato in anticipo ha, quindi, bisogno di alcune precauzioni, che gli specialisti della Sitip hanno riassunto in alcune raccomandazioni. Prima di tutto bisogna garantire al bambino un ambiente silenzioso, sereno e stabile, senza esporlo a fumo passivo e accudirlo nella culla o nella carrozzina utilizzando asciugamani arrotolati o altre misure di contenimento.
[one_fourth last=”no”]




[/one_fourth]
Importante è lavarsi adeguatamente le mani prima di toccare il piccolo, limitare il numero di visite da parte di ospiti, rimandando l’incontro se questi presentano raffreddore o altri sintomi respiratori o gastrointestinali. Effettuare tutte le vaccinazioni raccomandate secondo l’età, cominciando a contare il numero di giorni di vita del bambino dal concepimento, ricordandosi “che il prematuro è a maggiore rischio infettivo – spiegano gli esperti Sitip – rispetto al nato a termine, quindi deve essere vaccinato nei tempi giusti”. Monitorare peso, lunghezza e circonferenza cranica non solo nei primi mesi di vita, ma fino a 24 mesi ed eseguire le indicazioni nutrizionali fornite dal medico che includono latte iperproteico con adeguato apporto di calcio, fosforo e vitamine per un tempo variabile a seconda dell’età gestazionale e del peso alla nascita del piccolo Sottoporre il bambino a esami e visite periodiche è una raccomandazione da seguire scrupolosamente, senza dimenticare di somministrare ferro, minerali e vitamine se necessario sulla base dei risultati delle analisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: