SITIP: Al via il 13° Congresso N…

13° Congresso Nazionale …

Obesita' nei bambini e' patologi…

[caption id="attachment_7…

Cervarix contro le forme piu' ag…

[caption id="attachme…

Cancro: allo studio un vaccino p…

[caption id="attachment_3…

Apnea notturna e Alzheimer: qual…

Un nuovo studio trova c…

Mercoledì 1 ottobre: Prima Giorn…

Kledi Kadiu si esibisce a…

Vit. D, come Di Bella (?)

[caption id="attachment_9…

Arriva il contraccettivo dei cin…

[caption id="attachment_8…

Vescica iperattiva: riguarda 5 m…

In Italia sono oltre cin…

Lupus: gli immunosoppressori pre…

Le persone che assumono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: terapia che si rinnova, con metodo tutto italiano

La terapia contro l’asma si rinnova. I farmaci sono quelli gia’ in uso, utilizzati in maniera diversa: non piu’ solo come mantenimento, ma anche al momento del bisogno. asmaPerche’ ora studiosi italiani hanno provato che l’associazione fissa beclometasone – formoterolo in formulazione spray extrafine, indicata nel trattamento regolare dell’asma quando l’uso e’ appropriato, puo’ essere somministrata con successo anche ai primi sintomi di una crisi, evitando un ulteriore peggioramento. E’ questa la ”via italiana” al problema asma, riconosciuta a livello mondiale: i risultati di questo lavoro scientifico sono stati pubblicati sulla prestigiosa Lancet Respiratory Medicine, una nuova rivista della famiglia Lancet uscita in questi giorni col primo numero. Ora questo nuovo approccio terapeutico potra’ essere adottato dalla comunita’ medica.


L’asma colpisce 3,7 milioni di italiani, che vedono con preoccupazione l’arrivo della primavera. Questa e’ la stagione incubo per i pazienti, perche’ i pollini provocano riniti allergiche che, nell’80% dei casi, portano all’attacco d’asma. Con conseguenze importanti sulla qualita’ di vita delle persone affette e con pesanti riflessi economici. Ogni riacutizzazione della patologia costa infatti secondo le piu’ recenti stime, 1.500 euro, un ricovero di cinque giorni oltre 2.000. Spese evitabili con il nuovo approccio terapeutico, che permette un miglior controllo dell’asma e, di conseguenza, significativi risparmi per riduzione dei ricoveri e delle altre complicanze. Sono questi i risultati di uno studio multinazionale a regia italiana condotto in 183 centri di 14 Nazioni europee. ”Il nostro Paese ha tracciato la strada per contrastare una patologia che colpisce 150 milioni di persone nel mondo – spiega Leonardo Fabbri, direttore della Clinica di Malattie respiratorie dell’Universita’ di Modena-Reggio Emilia -.

Utilizzando anche al bisogno la terapia con beclometasone e formoterolo in formulazione extrafine riduciamo del 36% le riacutizzazioni e di un terzo i ricoveri ospedalieri.”. L’asma e’ una patologia in continua crescita. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanita’ i nuovi casi aumentano del 50% ogni dieci anni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!