A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Gambe senza riposo: dagli oppioi…

La “Restless Legs Syndrom…

Ossitocina: Scoperta associazion…

Una variante del gene OXT…

Sono anti-Alzheimer le onde elet…

[caption id="attachment_5…

Il rapporto tra microglia ed Alz…

[caption id="attachment_6…

Celiachia: un aiuto a contrastar…

[caption id="attachme…

Rivoluzione nella gestione del d…

Istituzioni, società scie…

Microscopio multitouch: tra 'Min…

Un gruppo di ricercatori …

Diabete di tipo 2: Janssen ha pr…

Beerse (Belgio), 14 Marzo…

Divieto di fumo: sta riducendo c…

Il divieto di fumare nei…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite: virus antenati rilevati in roditori e pipistrelli


Un team di ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University ha individuato virus simili a quello dell’epatite C nei pipistrelli e nei roditori. La scoperta potrebbe avvalorare la teoria secondo la quale il virus dell’epatite C (HCV) – una delle principali cause di insufficienza epatica e cancro al fegato – abbia avuto origine tra la fauna selvatica e sia saltato attraverso le specie fino ad infettare l’uomo.epatite In due nuove indagini pubblicate sulla rivista Pnas ed mBio, gli studiosi statunitensi hanno rilevato la presenza di due parenti “stretti” del virus HCV tra pipistrelli e roditori. Si tratta dell’hepacivirus e del pegivirus, virus simili a quelli che infettano gli esseri umani che potranno fornire inedite informazioni sulle origini dell’HCV e consentire lo sviluppo di nuovi trattamenti da testare sugli animali con lo scopo ultimo di progettare vaccini efficaci per debellare la diffusione della pericolosa patologia che infetta oltre duecento milioni di persone nel mondo. Alcuni tipi di hepacivirus e pegivirus infettano, invece, circa una persona ogni cinquanta. Le due tipologie rilevate negli animali sono risultate strettamente correlate a quelle che colpiscono l’uomo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi