Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Vaccino multistrato a DNA: inizi…

Una ricerca ha dimostrato…

Farmaci Biosimilari: ancora poco…

Scaduti i brevetti si apr…

Dolore cronico negli anziani: 7 …

Convivono, anche da oltre…

Altro che DNA 'spazzatura' - il …

[caption id="attachment_1…

Nervi danneggiati: gel che li ri…

Grazie a un impianto …

Neutrofili: italiani svelano la …

Soldati deputati alla d…

Contro la depressione un nuovo a…

[caption id="attachment_3…

Tumori in età pediatrica: un bra…

Un braccialetto contr…

Una nuova cioccolata che fa ring…

Potrebbe sembrare troppo …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epatite: virus antenati rilevati in roditori e pipistrelli


Un team di ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University ha individuato virus simili a quello dell’epatite C nei pipistrelli e nei roditori. La scoperta potrebbe avvalorare la teoria secondo la quale il virus dell’epatite C (HCV) – una delle principali cause di insufficienza epatica e cancro al fegato – abbia avuto origine tra la fauna selvatica e sia saltato attraverso le specie fino ad infettare l’uomo.epatite In due nuove indagini pubblicate sulla rivista Pnas ed mBio, gli studiosi statunitensi hanno rilevato la presenza di due parenti “stretti” del virus HCV tra pipistrelli e roditori. Si tratta dell’hepacivirus e del pegivirus, virus simili a quelli che infettano gli esseri umani che potranno fornire inedite informazioni sulle origini dell’HCV e consentire lo sviluppo di nuovi trattamenti da testare sugli animali con lo scopo ultimo di progettare vaccini efficaci per debellare la diffusione della pericolosa patologia che infetta oltre duecento milioni di persone nel mondo. Alcuni tipi di hepacivirus e pegivirus infettano, invece, circa una persona ogni cinquanta. Le due tipologie rilevate negli animali sono risultate strettamente correlate a quelle che colpiscono l’uomo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!