Trapianto utero: tra due anni ci…

[caption id="attachme…

Epatite C: trascorsi due mesi da…

''Dopo 2 mesi dalla possi…

Tumori: linfociti T ingegnerizza…

Le cellule staminali del …

HIV: ricerca italiana scopre met…

Un team dell'Istituto sup…

Glaucoma: sintomi ridotti da vin…

Vino rosso (ma in quantit…

Violenza femminile: per le donne…

Nella sola città di Milan…

I ritmi circadiani regolati da u…

La proteina Atassina-…

Virus Ebola: descritte oltre 300…

L'analisi approfondita di…

Chirurgia: protesi "a fiore" per…

Da oggi l'ernia guarisce …

Traumi: possono essere ereditati…

Gli effetti psicologici d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Grazie ad un raro batterio, scoperta chiave che permette all’alcol di agganciarsi al cervello


Grazie a un raro batterio che vive nelle Alpi svizzere i ricercatori dell’istituto Pasteur di Parigi e quelli dell’universita’ del Texas hanno scoperto uno dei siti chiave dove l’alcol si aggancia alle proteine del cervello. Lo studio, descritto su ‘Nature Communication’, potrebbe portare a farmaci che impediscono questo legame.Gloeobacter-violaceus I ‘sospetti’ dei ricercatori, spiega l’articolo, sono da tempo concentrati su proteine particolari chiamate ‘canali ionici’, ma non c’e’ mai stata la prova definitiva perche’ sono molto difficili da cristallizzare e quindi da studiare sia libere sia legate all’alcol. Analizzando per altri motivi il Gloeobacter violaceus, un batterio presente nei propri archivi, i ricercatori francesi sono pero’ riusciti a trovare una proteina estremamente simile a quella umana, e a cristallizzarla. A questo punto i due gruppi sono riusciti a ‘vedere’ la proteina legata all’alcol, stabilendo il sito di ‘attacco’: “E’ una cosa cui non si sarebbe mai arrivati con un approccio logico – scrivono gli autori – nessuno avrebbe mai immaginato che un oscuro batterio contenesse una proteina tanto simile a quella umana”

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!