Processo formazione virus HIV: o…

Un gruppo di ricercatori …

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

[Aduc]Vaccini: luoghi comuni, bu…

Dal fatto che il morbillo…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Identificato un metodo per gener…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rischio Alzheimer: individuati nuovi marcatori genetici


Le persone con accumulo di determinate proteine nel cervello e nel fluido spinale hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare Alzheimer. Ora, alcuni ricercatori hanno identificato alcune mutazioni i certe regioni genetiche che influenzano i livelli di questi accumuli di proteine. alzheimerQuesta scoperta potrebbe non solo aiutare a individuare le persone a rischio maggiore di sviluppare Alzheimer prima che mostrino declino cognitivo, ma anche offrire nuove informazioni per sviluppare nuove terapie che colpiscano le proteine coinvolte. “La proteina Tau e’ un importante biomarker dell’Alzheimer”, ha spiegato Alison Goate della Washington University School of Medicine di St. Louis, fra gli autori dello studio pubblicato su Neuron. “Abbiamo identificato molti geni che influenzano i livelli della proteina tau solubile nel fluido cerebrospinale – ha spiegato l’esperta – e abbiamo mostrato come uno di questi geni influenza anche il rischio di ammalarsi di questa patologia, il tasso di velocita’ del declino cognitivo e la densita’ dei ‘grovigli’ patologici nel cervello”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi