Memorie magnetiche: un nuovo mec…

Un nuovo meccanismo capac…

L'FDA riconosce a XEN402 lo stat…

Gerusalemme, Israele&…

Fattore D: l’importanza di quest…

Dr. Marco Turco: “La vi…

Il COPAXONE® e ulteriori dati em…

Al Fifth Joint Triennial …

LA FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA I…

La “giusta dose” terapeut…

Wheezing ricorrente e asma nei b…

E’ stata inaugurata, oggi…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Iper lacrimazione: risolutivo l'…

Una nuova tecnica laser p…

Premio Galeno 2009 per la prima …

Raltegravir, farmaco anti…

Lotta al dolore: al summit IMPAC…

A 15 mesi dal varo della …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rischio Alzheimer: individuati nuovi marcatori genetici


Le persone con accumulo di determinate proteine nel cervello e nel fluido spinale hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare Alzheimer. Ora, alcuni ricercatori hanno identificato alcune mutazioni i certe regioni genetiche che influenzano i livelli di questi accumuli di proteine. alzheimerQuesta scoperta potrebbe non solo aiutare a individuare le persone a rischio maggiore di sviluppare Alzheimer prima che mostrino declino cognitivo, ma anche offrire nuove informazioni per sviluppare nuove terapie che colpiscano le proteine coinvolte. “La proteina Tau e’ un importante biomarker dell’Alzheimer”, ha spiegato Alison Goate della Washington University School of Medicine di St. Louis, fra gli autori dello studio pubblicato su Neuron. “Abbiamo identificato molti geni che influenzano i livelli della proteina tau solubile nel fluido cerebrospinale – ha spiegato l’esperta – e abbiamo mostrato come uno di questi geni influenza anche il rischio di ammalarsi di questa patologia, il tasso di velocita’ del declino cognitivo e la densita’ dei ‘grovigli’ patologici nel cervello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi