Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

Il Presidente della FIMP: “L’inf…

Praga, 10 Maggio 2012 –…

Le leggi che ritardano l’arrivo …

In Italia perdura la prat…

Autismo: il deficit che si può r…

E' possibile rilevare i d…

Vaccino Anti-HPV: raccomandato a…

"Mentre nella donna esist…

Apnea notturna e Alzheimer: qual…

Un nuovo studio trova c…

Precursori dei neuroni da cellul…

Sviluppato un nuovo metod…

Registrate mutazioni del virus H…

Il virus ha fatto registr…

Stress: trovate le molecole resp…

La risposta fisiologica a…

Obiettivo raggiunto per il Proge…

Il Progetto Homeless, ini…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rischio Alzheimer: individuati nuovi marcatori genetici


Le persone con accumulo di determinate proteine nel cervello e nel fluido spinale hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare Alzheimer. Ora, alcuni ricercatori hanno identificato alcune mutazioni i certe regioni genetiche che influenzano i livelli di questi accumuli di proteine. alzheimerQuesta scoperta potrebbe non solo aiutare a individuare le persone a rischio maggiore di sviluppare Alzheimer prima che mostrino declino cognitivo, ma anche offrire nuove informazioni per sviluppare nuove terapie che colpiscano le proteine coinvolte. “La proteina Tau e’ un importante biomarker dell’Alzheimer”, ha spiegato Alison Goate della Washington University School of Medicine di St. Louis, fra gli autori dello studio pubblicato su Neuron. “Abbiamo identificato molti geni che influenzano i livelli della proteina tau solubile nel fluido cerebrospinale – ha spiegato l’esperta – e abbiamo mostrato come uno di questi geni influenza anche il rischio di ammalarsi di questa patologia, il tasso di velocita’ del declino cognitivo e la densita’ dei ‘grovigli’ patologici nel cervello”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi