Cancro al seno: un terzo dei cas…

Circa un terzo di tutti …

Disponibile da oggi anche in Ita…

Un innovativo inalator…

Glioblastoma: una specifica modi…

La presenza di una partic…

Pillola antirughe che mantiene l…

Scienziati creano una pil…

Donazione di gameti: diritto all…

Roma, 5 giugno 2014. Dopo…

Le prove scientifiche di un tras…

[caption id="attachment_7…

Merck Serono e Opexa Therapeutic…

   Merck Serono ottiene u…

AIDS: è in arrivo un farmaco uni…

La pillola unica contro i…

Lupus eritematoso - Alcuni fatto…

[caption id="attachme…

Stress e depressione rimpiccioli…

Stress e depressione fann…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rischio Alzheimer: individuati nuovi marcatori genetici


Le persone con accumulo di determinate proteine nel cervello e nel fluido spinale hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare Alzheimer. Ora, alcuni ricercatori hanno identificato alcune mutazioni i certe regioni genetiche che influenzano i livelli di questi accumuli di proteine. alzheimerQuesta scoperta potrebbe non solo aiutare a individuare le persone a rischio maggiore di sviluppare Alzheimer prima che mostrino declino cognitivo, ma anche offrire nuove informazioni per sviluppare nuove terapie che colpiscano le proteine coinvolte. “La proteina Tau e’ un importante biomarker dell’Alzheimer”, ha spiegato Alison Goate della Washington University School of Medicine di St. Louis, fra gli autori dello studio pubblicato su Neuron. “Abbiamo identificato molti geni che influenzano i livelli della proteina tau solubile nel fluido cerebrospinale – ha spiegato l’esperta – e abbiamo mostrato come uno di questi geni influenza anche il rischio di ammalarsi di questa patologia, il tasso di velocita’ del declino cognitivo e la densita’ dei ‘grovigli’ patologici nel cervello”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x