Trapianto reni: si valutano le s…

[caption id="attachme…

L’efficacia di ticagrelor nella …

[caption id="attachment_1…

Epatite B: una proteina negli uo…

Washington, 25 nov. - La …

Ustioni gravi con pomate antidol…

Alcune pomate antidolori…

Virus HIV: il ruolo 'dannoso' de…

L'aids provoca disturbi d…

HIV: terapia genica che imita i …

[caption id="attachme…

Disabilità intellettiva: CNR e T…

Chiarito per la prima vol…

Doppia vita di una proteina tras…

Scoperta una proteina che…

Diabete: scoperti altri 10 nuovi…

Dieci nuove aree del Dna …

Dalle cozze la sostanza per ripa…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rischio Alzheimer: individuati nuovi marcatori genetici


Le persone con accumulo di determinate proteine nel cervello e nel fluido spinale hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare Alzheimer. Ora, alcuni ricercatori hanno identificato alcune mutazioni i certe regioni genetiche che influenzano i livelli di questi accumuli di proteine. alzheimerQuesta scoperta potrebbe non solo aiutare a individuare le persone a rischio maggiore di sviluppare Alzheimer prima che mostrino declino cognitivo, ma anche offrire nuove informazioni per sviluppare nuove terapie che colpiscano le proteine coinvolte. “La proteina Tau e’ un importante biomarker dell’Alzheimer”, ha spiegato Alison Goate della Washington University School of Medicine di St. Louis, fra gli autori dello studio pubblicato su Neuron. “Abbiamo identificato molti geni che influenzano i livelli della proteina tau solubile nel fluido cerebrospinale – ha spiegato l’esperta – e abbiamo mostrato come uno di questi geni influenza anche il rischio di ammalarsi di questa patologia, il tasso di velocita’ del declino cognitivo e la densita’ dei ‘grovigli’ patologici nel cervello”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi