Tigem: il gene TFEB ricava energ…

Nel corpo umano la pr…

L’appello della Società Italiana…

Oltre il 50% delle malat…

Retina artificiale: la prima bio…

Entro cinque anni chi s…

Istituto Regina Elena: nuove tec…

Roma, 7 maggio 2012 – Nel…

Malaria: nuovi vaccini con paras…

Il vaccino contro la…

Problemi cardiovascolari: verso …

[caption id="attachment_7…

Laser a bassa frequenza per bruc…

[caption id="attachment_6…

[3.SIN] Novità sulle terapie nel…

Prof. Giancarlo Comi – Pa…

Crollano i ricoveri per le compl…

Invariato invece il tas…

Emofilia A: a Milano un evento d…

Fare il punto sui progres…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dal latte materno una proteina per contrastare la resistenza agli antibiotici


Una proteina complessa presente nel latte materno e’ capace di invertire la resistenza agli antibiotici dei superbatteri, incluso lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA). La scoperta e’ di un team di ricercatori dell’Universita’ di Buffalo. Si tratta della proteina complessa Hamlet (Human Alpha-lactalbumin Made Lethal to Tumor Cells) che si e’ rivelata in grado di aumentare la sensibilita’ dei batteri a diverse classi di antibiotici, come la penicillina e l’eritromicina.meticillina L’effetto e’ stato cosi’ evidente che i batteri hanno perso la resistenza precedentemente sviluppata. Una reazione innescata anche in batteri come lo Streptococcus pneumoniae resistente alla penicillina e lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina. Lo studio e’ stato descritto sulla rivista Plos One. “Hamlet ha un enorme potenziale: ci permette di ridurre al minimo le concentrazioni di antibiotici che usiamo per combattere le infezioni e in piu’ ci offre la possibilita’ di rendere nuovamente sensibili agli antibiotici ceppi batterici resistenti” ha spiegato Anders Hakansson, autore dell’indagine, da tempo al lavoro sugli effetti protettivi dell’allattamento al seno contro le infezioni. “I nostri risultati sono molto promettenti in un’epoca in cui gli ospedali stanno lottando per contenere l’attivita’ infettiva dei superbatteri resistenti ai farmaci come l’MRSA”, ha concluso.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi