Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

Il nucleo cerebrale che stabilis…

Isolare gli oggetti su cu…

Come reagiscono i fumatori dopo …

Un sostanziale numero di …

Tumori: strategia per combatterl…

Battere il tumore puntand…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Occhiali 'bionici' per ipovedent…

Occhiali 'bionici' potreb…

Infarto: abbassare la temperatur…

[caption id="attachment_8…

Dalla svezia sulla fecondazione …

Circa il 2% dei parti e' …

Fecondazione assistita e diagnos…

Il giudice Filomena Alban…

Nuovi farmaci per contrastare la…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mieloma multiplo: nuovo farmaco in fase di sperimentazione


Il Gruppo Sigma-tau ha annunciato che il nuovo antitumorale proprietario, SST0001, e’ oggetto di uno studio internazionale di fase I nel Mieloma Multiplo a Bergamo e in Israele. Il farmaco, generato grazie anche a una collaborazione con l’Istituto Ronzoni di Milano, inibisce un enzima, l’eparanasi, che gioca un ruolo molto importante per la crescita e la diffusione cellulare. L’eparanasi – spiega una nota della Sigma-tau – e’ un bersaglio farmacologico tuttora poco esplorato e la sua inibizione potrebbe avere una grande rilevanza nella terapia del cancro cosi’ come di alcune malattie infiammatorie. mieloma_multiploLa sperimentazione avverra’ nel Dipartimento di Ematologia e dell’Unita’ di Trapianto del Midollo dell’ Azienda Ospedaliera Giovanni XXIII di Bergamo, diretto da Alessandro Rambaldi e nella Divisione di Ematologia, Trapianto di Midollo e Banca del Cordone Ombelicale del Chaim Sheba Medical Center a Tel Hashomer (Israele) diretto da Arnon Nagler. La nuova molecola – sottolinea Sigma Tau – si e’ dimostrata efficace in diversi modelli preclinici di neoplasie ematologiche (mieloma e linfomi) e di alcuni tumori solidi, quali i sarcomi o le metastasi ossee. Il piano di sviluppo prevede lo studio del farmaco, da solo o in associazione, in diversi tumori oltre al Mieloma Multiplo, grave neoplasia ematologica che in molti casi non trova ancora una risposta terapeutica efficace.

“Siamo solo all’inizio e molti studi dovranno ancora essere condotti per verificare e confermare il reale potenziale del farmaco – afferma Alessandro Noseda, ad di sigma-tau Research Switzerland S.A. – ma siamo fiduciosi che grazie al solido know-how che stiamo costruendo in questo settore potremo portare un contributo scientifico importante per la cura dei pazienti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi