Rumore elettronico: da disturbo …

Un nuovo studio ha permes…

Autismo e disabilità intellettiv…

Il disturbo dello spettro…

Scoperto nuovo tassello del mosa…

[caption id="attachment…

HIV: 14 basi in meno in una spec…

[caption id="attachme…

Cancro alla prostata: il ruolo d…

E' un enzima a determinar…

Metabolismo: la proteina che all…

L'attivazione indotta del…

La 'biopsia liquida ' per monito…

I primi trial della 'biop…

Tumori: proteina aiuta cellule m…

[caption id="attachment_8…

Il successo delle prenotazioni d…

L'importante ruolo delle …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Prima edizione italiana del Novartis BioCamp, appuntamento esclusivo con il futuro della ricerca farmaceutica riservato a 30 giovani talenti delle Università italiane

novartis

  • Dal  30 settembre al 2 ottobre un gruppo selezionato di 30 studenti delle facoltà scientifiche ed economiche italiane prenderà parte al Novartis BioCamp Italia, workshop interattivo  

 

  • Tre giorni a diretto contatto con la più avanzata ricerca biotecnologica per consolidare la collaborazione tra industria e università  

 

  • Un appuntamento per gli startupper di domani: comprendere come nasce una nuova impresa biotech, gli strumenti finanziari e il dialogo con gli investitori. Questi alcuni dei temi trattati, sui quali i partecipanti dovranno svolgere un lavoro di gruppo   

 

Origgio (VA), 7 maggio 2013 – Prende  il via  la prima edizione italiana del BioCamp, dedicata ai giovani talenti del nostro paese. Tre giornate di workshop a Siena, dove ha sede il polo mondiale dell’attività di Ricerca e Sviluppo clinico condotta da Novartis nel settore dei vaccini, con l’obiettivo di favorire la creazione di una cultura comune di scambio e collaborazione tra l’università e l’industria.

Il workshop, riservato a 30 giovani promesse della ricerca, italiani e stranieri, provenienti dalle facoltà scientifiche ed economiche delle Università del nostro paese, si svolgerà dal 30 settembre al 2 ottobre. Il termine ultimo per inviare la propria candidatura è il 1 luglio 2013.

I 30 giovani talenti avranno la possibilità di confrontarsi non solo con diversi manager Novartis a livello italiano ed internazionale, ma anche con esperti esterni di livello mondiale  sui temi della ricerca nell’ambito biotech, della creazione di start-up, dei sistemi di finanziamento delle imprese biotech ed altro ancora.

I partecipanti potranno anche visitare il Centro di Ricerca e Sviluppo di Siena, una delle realtà scientifiche di più alto livello sia in Italia sia in Europa, dove sono stati prodotti e studiati alcuni dei vaccini più innovativi attualmente disponibili sul mercato.

 

Sono orgoglioso di ospitare e di prendere parte in prima persona a questa iniziativa” ha commentato Rino Rappuoli, responsabile mondiale della Ricerca di Novartis Vaccines and Diagnostics – “in quanto credo che sia fondamentale lavorare per facilitare la cooperazione tra ricerca dell’industria e ricerca accademica in Italia. Il BioCamp serve a stimolare le giovani promesse in questo senso. Ma lo scambio sarà a due vie: mi aspetto che anche noi si abbia da imparare dal dialogo con questi brillanti giovani”, ha concluso Rappuoli.   

 

“Come azienda che opera nel paese” ha aggiunto Philippe Barrois, Amministratore Delegato e Country President di Novartis in Italia “crediamo che sia nostro dovere mettere a disposizione la nostra esperienza e quella di esperti internazionali per favorire la cultura dell’innovazione e dell’imprenditorialità in Italia”.

 

Per potersi candidare, gli studenti interessati potranno scaricare il modulo d’iscrizione dal sito Novartis, all’indirizzo www.novartis.it/ricerca-scientifica/biocamp/iscrizione.shtml, corredandolo di curriculum vitae e lettera di motivazione; le candidature dovranno essere inviate via e-mail entro il 1 luglio 2013 a: biocamp.italia@novartis.com. Ulteriori notizie sul BioCamp saranno disponibili su: www.facebook.com/NovartisBioCampItalia.

 

Criteri essenziali per la valutazione delle candidature sono i risultati accademici conseguiti, le esperienze professionali e le attività svolte al di fuori dell’ambito universitario. La completa padronanza della lingua inglese è un requisito fondamentale.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!