"Faccia da Toast" - Un laborator…

26 settembre 2014 ore 13,…

29 OTTOBRE 2012 VIII GIORNATA MO…

 Allarme ictus - incremen…

Dita bioniche restituiscono la m…

Maria Antonia Iglesias è …

Pelle artificiale disegnata al c…

Pelle artificiale disegna…

NEL CORSO DEL 61° CONGRESSO ANNU…

I dati hanno dimostrato t…

Quando la schiena fa “crack”: pe…

Presso l’Ospedale San Car…

Scoliosi: migliora la terapia co…

Migliorare il rapporto d…

24 Marzo 2013 Giornata Mondiale …

Il ritorno della tubercol…

Diabete di tipo 2: abbassare col…

L'abbassamento intensivo…

Vendita sigarette elettroniche: …

L'efficacia delle sigaret…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rigetto: scoperti i segnali chimici che lo scatenano dopo un trapianto


Un team di ricercatori della University of Pittsburgh ha identificato i segnali che inducono il sistema immunitario a rigettare un organo trapiantato. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Il rigetto si verifica quando il sistema immunitario del ricevente identifica l’organo trapiantato come tessuto estraneo e lo attacca.    Si pensava che le cellule immunitarie T fossero prima di tutto attivate da alcune molecole, chiamate chemochine, in modo da dirigersi verso l’organo. Il nuovo studio condotto sui topi ha pero’ scoperto che la stimolazione delle chemochine non e’ necessaria, per la migrazione delle cellule T, che invece sono stimolate da alcuni antigeni espressi specificamente dall’organo trapiantato.
Questa ricerca potrebbe avere importanti conseguenze per mettere in campo nuove terapie anti-rigetto .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi