AIDS: al Bambino Gesu' prima spe…

[caption id="attachment_6…

Da invertebrati a vertebrati: co…

In una specie di emicorda…

Farmaci di uso comune potrebbero…

Gli antidolorifici come l…

Aterosclerosi e nuove tecniche p…

[caption id="attachment_1…

La FIMP: “Arriva l’estate! Genit…

Le ‘7 regole d'oro’ d…

Ictus in gravidanza: nuovo studi…

Quello che dovrebbe ess…

Per un'alimentazione consapevole…

La Fondazione Italiana Di…

Peso corporeo: scoperta proteina…

Permetterà in futuro di c…

Alzheimer: inizio di una rischio…

Una nuova ricerca dell’Un…

Il comparto della contattologia:…

In Italia oltre 2,5 mil…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rigetto: scoperti i segnali chimici che lo scatenano dopo un trapianto


Un team di ricercatori della University of Pittsburgh ha identificato i segnali che inducono il sistema immunitario a rigettare un organo trapiantato. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Il rigetto si verifica quando il sistema immunitario del ricevente identifica l’organo trapiantato come tessuto estraneo e lo attacca.    Si pensava che le cellule immunitarie T fossero prima di tutto attivate da alcune molecole, chiamate chemochine, in modo da dirigersi verso l’organo. Il nuovo studio condotto sui topi ha pero’ scoperto che la stimolazione delle chemochine non e’ necessaria, per la migrazione delle cellule T, che invece sono stimolate da alcuni antigeni espressi specificamente dall’organo trapiantato.
Questa ricerca potrebbe avere importanti conseguenze per mettere in campo nuove terapie anti-rigetto .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi