Tumore ovarico: un farmaco contr…

Un farmaco comunemente ut…

Meningococco: aumentano i rischi…

Per i bambini sotto i 5 a…

Scoperti i geni che vanificano g…

[caption id="attachment_5…

Malattia di Krabb: nuove strateg…

[caption id="attachment_1…

Merck Serono: approvazione europ…

Ginevra, Svizzera, 6 fe…

XIII Giornata Mondiale BPCO (Bro…

  Un milione e 200mil…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Ansia e sedentarietà: due stati …

La sedentarietà non fa so…

Progetto UE per individuare batt…

[caption id="attachment_…

Grazie a finanziamenti dall'UE p…

Alcuni ricercatori, parzi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rigetto: scoperti i segnali chimici che lo scatenano dopo un trapianto


Un team di ricercatori della University of Pittsburgh ha identificato i segnali che inducono il sistema immunitario a rigettare un organo trapiantato. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Investigation. Il rigetto si verifica quando il sistema immunitario del ricevente identifica l’organo trapiantato come tessuto estraneo e lo attacca.    Si pensava che le cellule immunitarie T fossero prima di tutto attivate da alcune molecole, chiamate chemochine, in modo da dirigersi verso l’organo. Il nuovo studio condotto sui topi ha pero’ scoperto che la stimolazione delle chemochine non e’ necessaria, per la migrazione delle cellule T, che invece sono stimolate da alcuni antigeni espressi specificamente dall’organo trapiantato.
Questa ricerca potrebbe avere importanti conseguenze per mettere in campo nuove terapie anti-rigetto .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x