Motoneuroni: ricerca svela la pr…

Una proteina conosciuta c…

Microalbuminuria e rischi cardio…

[caption id="attachme…

Ansia: scoperta una sostanza dir…

[caption id="attachment_6…

una nuova emergenza pediatrica: …

Caserta, 15 settembre 201…

Discheratosi congenita: riprogra…

[caption id="attachment_6…

Meningite B, l'EMA valuta nuovo …

[caption id="attachment_1…

Come avviene il silenziamento se…

[caption id="attachment_9…

Il rilassamento altera l'espress…

Gli effetti positivi …

Anche 'in vitro' gli embrioni va…

[caption id="attachment_5…

AIFA blocca lotto di emoaderivat…

L'Aifa "ha disposto, per …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Staminali contro ictus: ambiziosa terapia


Cinque vittime di ictus hanno mostrato piccoli segni di ripresa a seguito di una terapia pioneristica a base di cellule staminali. Questi i risultati preliminari di una sperimentazione in corso al Southern General Hospital di Glasgow, descritti da un articolo pubblicato dalla BBC. Il trial si basa sull’iniezione di cellule staminali – create 10 anni fa da un campione di tessuto nervoso prelevato da un feto – nelle parti danneggiate del cervello dei pazienti. La speranza e’ che le staminali stimolino il processo di “rigenerazione” dei tessuti danneggiati.ictus_ischemia
Frank Mars, 80 anni, e’ uno dei nove pazienti che partecipano alla sperimentazione e che ha visto degli evidenti miglioramenti nell’uso della mano sinistra. “Ora posso afferrare certe cose che non avevo mai preso prima, come il corrimano nei bagni sia con la mano destra che con la sinistra”, ha riferito. “E’ ancora piuttosto debole e difficile da coordinare ha precisato – ma e’ molto meglio di quanto non fosse prima. Mi piacerebbe tornare a suonare il mio pianoforte”. Anche sua moglie Claire ha notato i miglioramenti. “Dopo l’operazione e’ in grado di fare cose che non poteva fare prima, come fare il caffe’, vestirsi e afferrare le cose”.

Lo studio ha coinvolto pazienti che hanno subito un ictus tempo fa e che non avevano mostrato segni di ripresa spontanei. Keith Muir, scienziato che lavora al trial ha detto: “Non siamo in grado di dire se si tratta di qualcosa specificatamente legata alle cellule”. “Sappiamo che alcune cellule sopravvivranno e potenzialmente possono trasformarsi in tessuto rilevante. Abbiamo anche il sospetto – ha spiegato – che una gran parte di quello che facciamo e’ rilanciare i processi di riparazione che sono gia’ presenti nel corpo”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!