Non solo più botox e filler: sar…

Non piu' solo botox e fil…

Trapianto capelli: nuova tecnica…

Nuove frontiere per comba…

Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Virus influenzali: il cane potre…

Il migliore amico dell'uo…

Ricercatori fanno luce sulle imp…

[caption id="attachment_7…

Linfociti esausti tengono a bada…

Due distinti sottoinsiemi…

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

Artrite reumatoide: per 9 person…

Per il 93% dei pazienti c…

Sindrome da delezione cromosoma …

C'e' una predominanza…

Malaria: isolata la proteina chi…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La proteina che alimenta il cancro, che non ha bisogno di ossigeno


Trap1 riesce a far sopravvivere le cellule tumorali anche senza respirare
La capacità delle cellule tumorali di sopravvivere anche in assenza di ossigeno dipende da Trap1, una proteina la cui espressione aumenta in molti tipi di tumore. Il suo ruolo cruciale, che la rende un nuovo promettente bersaglio per le terapie anticancro, è stato scoperto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Padova guidato da Andrea Rasola e Paolo Bernardi, che hanno pubblicato i risultati delle loro ricerche sulla rivista Cell Metabolism.cellula_cancerosa

Trap1 lega ed inibisce la succinato deidrogenasi, una proteina dei mitocondri – le centrali energetiche delle cellule – indispensabile per produrre energia utilizzando l’ossigeno. Questa interazione riduce la respirazione cellulare e stabilizza la proteina Hif1α, la cui attività è richiesta per la crescita dei tumori. Tutto ciò contribuisce al cosiddetto effetto Warburg, un fenomeno che, spiegano Rasola e Bernardi, “rende le cellule tumorali capaci di sintetizzarsi da sole molti dei componenti necessari per la loro proliferazione, che diventa possibile anche in un ambiente estremamente povero di ossigeno”.

“Il ruolo che Trap1 ha nella crescita tumorale – spiegano i due ricercatori – è così importante che quando ne viene bloccata l’espressione con dei sofisticati approcci molecolari, anche le cellule neoplastiche più aggressive diventano totalmente incapaci di formare masse tumorali”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!