Melanoma: l'oncologo Ascierto in…

L'immunoterapia puo' rapp…

SIPPS: “Regaliamo Futuro” presen…

Roma – Dalla creativi…

Ormone 'dimagrante' risiede nel …

Il cuore è il primo musco…

Influenza: scoperta una sconosci…

Scoperto un inedito mecca…

Sclerosi Multipla: sono 70 mila …

Sono in arrivo due nuove …

Chemioterapia: impianti al palla…

Impianti metallici che p…

Fecondazione assistita: prima do…

Nel Regno Unito e' stata …

Asma: arriva dallo zenzero un ai…

Lo zenzero potrebbe aiu…

Tumore alla prostata: nuovi stud…

[caption id="attachment_1…

Post-infarto: funzionano le stam…

La ricerca dovrà trovare …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino contro il diabete giovanile: come funziona


L’annuncio dei medici di Stanford. Spegne la risposta immunitaria che distrugge le cellule pancreatiche

Sembra funzionare un vaccino contro il diabete giovanile. Si tratta, si spiega su Science Translational Medicine, di un «vaccino inverso» : spegne anzichè accendere la risposta immunitaria. I vaccinati hanno prodotto più insulina riducendo le cellule immunitarie «cattive» che attaccano il pancreas. Il vaccino, messo a punto presso la Stanford University School of Medicine, è stato testato su 80 pazienti dal gruppo di Lawrence Steinman che ha dichiarato all’Ansa: «Al momento stiamo organizzando un trial clinico più grande su un maggior numero di pazienti dopo aver visto gli ottimi risultati sui primi 80».

COME FUNZIONA – Il diabete giovanile è una malattia in cui il sistema immunitario del paziente, come «impazzito», attacca e uccide le cellule pancreatiche che producono insulina. Il paziente, quindi, per regolare la propria glicemia, ha bisogno di iniettarsi insulina. I vaccini normalmente servono per stimolare il sistema immunitario ad attaccare il nemico. Ma in questo caso il vaccino «al contrario» funziona «uccidendo le cellule immunitarie “impazzite” che attaccano il pancreas», spiega Steinman. «L’abbiamo testato su pazienti cui era stata fatta la diagnosi di diabete 1-3 anni prima – precisa – e visto che i soggetti vaccinati producono più insulina. Inoltre nel sangue dei pazienti sono ridotte le cellule immunitarie cattive». (Fonte Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi