Infarto: il 50% di probabilità i…

Le persone con Hiv hanno…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

La firma genetica dei casi 'cent…

[caption id="attachment_8…

Nevralgia post-erpetica: nuova s…

E' un nemico insidioso,…

Amianto: nasce il portale a disp…

Edifici, scuole, caserme,…

Tumori: nanoparticelle per attac…

Pubblicati su Pnas i prim…

Individuati marcatori tumorali t…

[caption id="attachment_8…

Obesità: il palloncino intragast…

Novita' contro l'obesita'…

Spray 'ormonato' per addolcire i…

[caption id="attachment_7…

Fumo: vizio, dipendenza e deside…

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antiepilettici in gravidanza, più rischi motori per il nascituro


I farmaci antiepilettici usati in gravidanza incrementano il rischio di precoci problemi nello sviluppo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Epilepsia, e’ stato condotto dall’Universita’ di Bergen, Norvegia. I risultati suggeriscono che i bambini esposti a farmaci antiepilettici nell’utero sono a maggior rischio per difficolta’ nello sviluppo motorio, capacita’ linguistiche, sociali e tratti autistici rispetto alle madri che non hanno assunto medicinali anti-crisi epilettiche.drugs I farmaci anti-epilettici vengono usati dallo 0,2-0,5 per cento delle donne epilettiche in gravidanza. Lo studio, che ha riguardato 333 bambini esposti a questi farmaci durante la gestazione, ha mostrato che a 18 mesi comparivano problemi nello sviluppo motorio e tratti autistici, e a 36 mesi si verificavano anche difficolta’ linguistiche. Non c’era invece nessun problema per i figli di donne epilettiche che non avevano assunto farmaci durante la gravidanza.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi