SLA: carotenoidi utili nella pre…

Una nuova ricerca suggeri…

Ciglia artificiali, sensori per …

Finanziato nell’ambito de…

Cancro: presentato al British Sc…

Cancro, potrebbe essere u…

LA CONSULTA SUL TABAGISMO FESTEG…

Roma - Il 10 gennaio 2005…

Le Società scientifiche della di…

TANTE LE CRITICITÀ E LE C…

Alzheimer: tre nuovi biomarker p…

Per la malattia di Alzhei…

Nevralgie del trigemino al Forla…

[caption id="attachment_1…

Lo sport migliora la potenza e l…

L'esercizio fisico contra…

L'uomo, la fertilità, ed il suo …

Anche gli uomini hanno un…

Fibrosi cistica: tessuto polmona…

Un tessuto polmonare colt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antiepilettici in gravidanza, più rischi motori per il nascituro


I farmaci antiepilettici usati in gravidanza incrementano il rischio di precoci problemi nello sviluppo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Epilepsia, e’ stato condotto dall’Universita’ di Bergen, Norvegia. I risultati suggeriscono che i bambini esposti a farmaci antiepilettici nell’utero sono a maggior rischio per difficolta’ nello sviluppo motorio, capacita’ linguistiche, sociali e tratti autistici rispetto alle madri che non hanno assunto medicinali anti-crisi epilettiche.drugs I farmaci anti-epilettici vengono usati dallo 0,2-0,5 per cento delle donne epilettiche in gravidanza. Lo studio, che ha riguardato 333 bambini esposti a questi farmaci durante la gestazione, ha mostrato che a 18 mesi comparivano problemi nello sviluppo motorio e tratti autistici, e a 36 mesi si verificavano anche difficolta’ linguistiche. Non c’era invece nessun problema per i figli di donne epilettiche che non avevano assunto farmaci durante la gravidanza.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi