Nuovi risultati confermano le ev…

  I dati presentati al C…

Esofago di Barret: nuovi studi s…

L'incidenza del tumore ne…

Difetto genetico alla base dell'…

[caption id="attachment_6…

Il fumo passivo, provato, aumen…

[caption id="attachme…

Digossina e decessi: uno strano …

La digossina, farmaco com…

La vista presto 'risarcita' da u…

Permettere ai non vedenti…

Memoria epigenetica delle piante…

L'inattivazione del gene …

Nanoparticelle d'oro contro il m…

Microsfere in oro zecchin…

L'importanza del sonno sulla mem…

Il sonno rafforza la memo…

Nuove giornate pediatriche sirac…

La SIPPS (Società Italian…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antiepilettici in gravidanza, più rischi motori per il nascituro


I farmaci antiepilettici usati in gravidanza incrementano il rischio di precoci problemi nello sviluppo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Epilepsia, e’ stato condotto dall’Universita’ di Bergen, Norvegia. I risultati suggeriscono che i bambini esposti a farmaci antiepilettici nell’utero sono a maggior rischio per difficolta’ nello sviluppo motorio, capacita’ linguistiche, sociali e tratti autistici rispetto alle madri che non hanno assunto medicinali anti-crisi epilettiche.drugs I farmaci anti-epilettici vengono usati dallo 0,2-0,5 per cento delle donne epilettiche in gravidanza. Lo studio, che ha riguardato 333 bambini esposti a questi farmaci durante la gestazione, ha mostrato che a 18 mesi comparivano problemi nello sviluppo motorio e tratti autistici, e a 36 mesi si verificavano anche difficolta’ linguistiche. Non c’era invece nessun problema per i figli di donne epilettiche che non avevano assunto farmaci durante la gravidanza.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x