Polline: 1,2 milioni di bambini …

In Italia, tra marzo e a…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Barbecue non proprio 'salubre': …

[caption id="attachment_7…

Sistema immunitario e nanopartic…

La nanotecnologia è un'in…

Linagliptin compresse ottiene pa…

La nuova indicazione pr…

Protesi PIP e Codacons: per il T…

"Il Tar del Lazio, con un…

Dal Nilo, sulle mummie, la stori…

Già 1500 anni fa, le prat…

La corretta interpretazione dell…

E' stata considerata inut…

Quale futuro per il nostro Servi…

CEIS, Il Sole 24 Ore Sani…

Tumori del seno: TAZ, un gene ch…

Si chiama TAZ ed è il gen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro: individuarlo sfruttando la “golosità” delle cellule maligne


Il cancro potrebbe essere individuato visualizzando il consumo di zuccheri tramite risonanza magnetica per immagini (Mri). La nuova tecnica di imaging sviluppata dagli scienziati dello University Colege London potrebbe fornire un’alternativa sicura e piu’ semplice alle tecniche radioattive standard e permettere ai radiologi di avere un’immagine del tumore con maggiore dettaglio. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Nature Medicine’. Il nuovo sistema si chiama glucoCEST (glucose chemical exchange saturation transfer) e si basa sul fatto che i tumori consumano molto piu’ glucosio, un tipo di zucchero, rispetto ai tessuti normali per crescere. I ricercatori hanno scoperto che guardando all’assorbimento di glucosio con uno scanner Mri riuscivano a ottenere delle immagini piu’ chiare, in casi di eccessivi consumi nei modelli murini. Invece di iniettare il materiale radioattivo, gli scienziati hanno iniettato normale zucchero e poi controllato la risposta dell’organismo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi