Mamma, vado all’asilo. Tutti i c…

Decidere di mandare un ba…

Dentizione nei bambini: il peric…

E' noto il fenomeno della…

Alzheimer e neurodegenerazione: …

Uno studio pubblicato…

Gli spermatozoi annusano, e veng…

[caption id="attachment_7…

Nuova tecnica di imaging microsc…

[caption id="attachme…

Distrofia facio-scapolo-omerale:…

Uno studio finanziato da …

La peste nera: ricostruito l'int…

L'impresa è stata possibi…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

L'innovativa tecnica della crioc…

[caption id="attachment_1…

Fumo in macchina: polveri sottil…

Una sigaretta in più, pro…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Oppioidi: un’alternativa di antidolorifici dall’olio di pesce


Medici e pazienti che diffidano di farmaci antidolorifici e oppioidi – a causa della dipendenza che innescano e degli effetti collaterali – potrebbero presto poter contare su un’alternativa piu’ sana e naturale. Un nuovo studio della Duke University ha rivelato che un derivato dell’acido docosaesaenoico, ingrediente principale di molti integratori di olio di pesce, e’ in grado di lenire e prevenire il dolore neuropatico causato da lesioni del sistema sensoriale.   Lo studio e’ stato descritto nei dettagli on line sugli ‘Annals of Neurology’. Si tratta di un composto chiamato “neuroprotectina D1=protectina D1” (NPD1=PD1) che non si limita ad alleviare il dolore ma e’ in grado anche di ridurre il gonfiore del nervo a seguito delle lesioni.

Il suo effetto analgesico deriva dalla capacita’ del composto di inibire la produzione delle citochine e delle chemochine, piccole molecole di segnalazione che attirano macrofagi infiammatori alle cellule nervose. Il NPD1=PD1 diminuisce il dolore neuropatico a dosi molto basse. I topi trattati sinora con questa terapia innovativa non hanno mostrato segni di dipendenza fisica o maggiore tolleranza verso il composto lipidico

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!