Tumore al polmone: dopo il fumo …

La 'Relazione sullo stato…

Pancreatite autoimmune: individu…

[caption id="attachment_5…

Fibrosi cistica: in USA nuova te…

Un gruppo di ricercatori…

Oncologia: i farmaci 5-HT3 antag…

[caption id="attachment_1…

CCSVI: studio italiano su cura Z…

Uno studio italiano p…

Osservatorio oncogeriatrico: per…

La vecchiaia inizia a 70 …

Il veleno delle api veicolato di…

[caption id="attachme…

Carta identita' genetica: arriva…

[caption id="attachment_6…

RNA: si tenta ancora una ricostr…

Fra i ricercatori è diffu…

PALEXIA® (Tapentadolo) vince due…

Luminoso futuro per il 20…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Insidia nella saliva, nel rapporto tra cellulari e tumori


L’uso eccessivo aumenta i livelli di stress ossidativo
Le onde elettromagnetiche emesse dai telefoni cellulari potrebbero causare uno stress ossidativo tale da aumentare il rischio di sviluppare tumori. E’ questa l’ipotesi di un gruppo di ricercatori israeliani, che in uno studio pubblicato sulla rivista Antioxidants and Redox Signaling hanno analizzato il livello di perossidi e di radicali liberi nella saliva di 20 forti utilizzatori di cellulari, rilevandone un aumento significativo rispetto ad individui che, essendo sordi, utilizzano il telefonino solo per inviare sms.cell_cancer-phone

L’idea di valutare i segnali di stress ossidativo nella saliva è nata dal fatto che durante l’utilizzo i cellulari vengono posti a stretto contatto con le ghiandole salivari. Proprio per questo come ha spiegato Yaniv Hamzany, ricercatore dell’Università di Tel Aviv e primo autore dello studio, i risultati delle analisi condotte “suggeriscono che ci sia uno stress ossidativo considerevole nel tessuto e nelle ghiandole che sono vicine al cellulare mentre viene utilizzato”. Da parte sua, lo stress ossidativo, se elevato, può danneggiare le cellule e il Dna, fenomeno associato allo sviluppo dei tumori. Al momento, però, non è possibile stabilire l’esistenza di una relazione di causa-effetto tra l’uso dei cellulari e il cancro. Piuttosto, questo studio aggiunge nuovi indizi a sostegno dell’ipotesi che l’uso eccessivo dei cellulari possa aumentare il rischio di tumori. Infatti gli individui coinvolti nello studio utilizzavano il telefonino da un minimo di 8 a un massimo di 40 ore al mese. Per ora, quindi, i cellulari restano classificati come “possibilmente cancerogeni per l’uomo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi