"Nuovi anticoagulanti orali: in…

Sintesi interventi relato…

Dolore cronico nei pazienti anzi…

Tecniche di comunicazione…

Molte amicizie (vere) su Faceboo…

Buone notizie per gli ama…

Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Dolore Cronico per oltre 745.000…

Il 15 ottobre, arriva in …

Sclerosi multipla: differenze ce…

La differenza che c'e' tr…

Marijuana e salute: una relazion…

L’uso abituale di marijua…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Staminali per la rigenerazione d…

[caption id="attachment_8…

Bambini all'aria aperta anche d'…

Le precauzioni per evitar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pediatria: casi di asma in aumento negli individui con genitori fumatori


”La tutela della salute non ha colori politici, ma e’ un fatto che riguarda tutti. Bene la lettera che il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha inviato ai parlamentari in vista della prossima discussione alle Camere della misura del divieto di fumo in auto alla presenza di minori”. Cosi’ Eugenio Baraldi, Presidente della Societa’ Italiana Malattie Respiratorie Infantili (SIMRI).astma

Negli ultimi anni diversi studi hanno cercato di indagare la correlazione tra l’esposizione al fumo di sigaretta e la relativa incidenza su alcune malattie respiratorie. ”Una ricerca olandese guidata da Sonnenschein-van der Voort – ricorda Baraldi – sottolinea come l’esposizione fetale e infantile al fumo di tabacco influisca negativamente sui sintomi dell’asma nella prima infanzia, e potrebbe aumentare la vulnerabilita’ dell’individuo agli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico. Pertanto le associazioni tra inquinamento dell’aria e sintomi d’asma possono essere amplificate dalla concomitante esposizione al fumo di sigaretta. Altri studi – prosegue Baraldi – hanno osservato che l’asma bronchiale esordisce piu’ precocemente e con una sintomatologia piu’ grave nei bambini che vivono con adulti fumatori”.

Occorre quindi tenere alta l’attenzione sui rischi per la salute, soprattutto dei piu’ piccoli. ”Proprio per questo Simri – conclude Baraldi – e’ promotrice della campagna ”Spegni la sigaretta, proteggi il tuo bambino’, per sensibilizzare le famiglie sui danni provocati dal fumo di sigaretta, attivo, passivo e di terza mano, ovvero l’involontaria esposizione (inalazione, ingestione o assorbimento dermico) a residui della combustione del tabacco che rimangono sulle superfici, negli oggetti, nella polvere e sui vestiti”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!