Alla ricerca di recenti mutazion…

Due nuovi studi dimostran…

Sarcoma di Ewing: proteina chiav…

[caption id="attachment_5…

Fratture vertebrali in aumento, …

L'indebolimento della str…

Fecondazione "in vitro": nasce i…

E' nato in Inghilterr…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cervello: mappata la rete neural…

Le mappe complete di esp…

Chemioterapia: quando una moleco…

[caption id="attachment_9…

Progetto UE per individuare batt…

[caption id="attachment_…

Le cellule responsabili della ma…

[caption id="attachme…

Ansia e sedentarietà: due stati …

La sedentarietà non fa so…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pertosse: si riaffaccia il virus, ma serve un nuovo vaccino


La pertosse sta ritornando perche’ il nuovo vaccino introdotto negli anni ’90, anche se da’ molti meno effetti collaterali, “copre” anche per molto meno tempo.pertosse
Lo ricorda un editoriale su ‘Science’, secondo cui e’ il momento di decidere se migliorare il vaccino esistente o tornare a quello del passato. Il vecchio vaccino, spiega l’articolo che raccoglie le ultime scoperte sul tema, era formato dal virus intero detossificato, mentre il nuovo e’ formato da alcuni frammenti di Dna. Questo fa si’ che non siano presenti le endotossine che nella versione originale causavano i maggiori effetti collaterali, ma ha anche il problema che il sistema immunitario viene stimolato solo da tre o quattro antigeni anziche’ dalle dozzine del vecchio tipo, e questo ha fatto si’ che si siano ripresentate epidemie della malattia, soprattutto negli Usa.

“Ironicamente – spiega l’articolo – alcuni studi hanno mostrato che erano proprio le endotossine a garantire la copertura a lungo termine”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi