L'Italian Rolfing week, per dire…

Sedute gratuite e seminar…

NEUROPROBES: il progetto per son…

[caption id="attachment_7…

Tumore al seno: fumo e recettori…

[caption id="attachment_8…

Difetti della coagulazione e odo…

Roma, 21 novembre 2013 - …

Cancro, nuove scoperte tra inter…

Sessanta nuovi geni poten…

Perdita di udito: come affrontar…

Circa il 16 per cento deg…

Tumori: una proteina correlata a…

La mancanza della protein…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Morbillo: il virus che potrebbe …

Il virus del morbillo, in…

Oncologo: dalle sigarette elettr…

"Il vantaggio evident…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pressione alta: possibile causata da piccoli tumori delle ghiandole surrenali


Fino al 10% dei casi di ipertensione, o pressione alta, potrebbero essere dovuti a piccoli tumori benigni localizzati sulle ghiandole surrenali. La cura tempestiva può prevenire i rischi correlati alla pressione alta e liberare dalla dipendenza dai farmaci

Alcune persone che soffrono di pressione alta, o ipertensione, potrebbero liberarsi da questo problema e dalla dipendenza dai farmaci dedicati rimuovendo i minuscoli tumori benigni che si sono sviluppati nelle ghiandole surrenali – e che sarebbero proprio la causa della pressione arteriosa alta.

Il problema pressione alta, che affligge milioni di persone e le mette a rischio di essere vittime di attacchi cardiaci e ictus, potrebbe non sempre derivare da un problema esclusivamente cardiovascolare. Secondo un nuovo studio pubblicato su Nature Genetics, la causa può essere ricercata in piccoli tumori benigni che crescono nella ghiandole surrenali. Questi tumori sarebbero i responsabili del 10% dei casi di ipertensione.

A suggerire il coinvolgimento dei tumori nelle ghiandole surrenali sono i ricercatori britannici dell’Università di Cambridge e dell’ospedale di Addenbrooke, i quali ritengono che un intervento atto a rimuovere queste escrescenze potrebbe liberare i pazienti dalla dipendenza a vita dai farmaci.

In precedenti studi i ricercatori avevano già osservato come proprio le crescite anomale di tumori relativamente grandi nelle ghiandole surrenali potessero far aumentare la pressione sanguigna. Il passo avanti compiuto in questo nuovo studio ha permesso di osservare come anche le crescite di tumori molto più piccoli producano lo stesso effetto sulla pressione.
L’alterazione della pressione sarebbe dovuta alla modificata produzione di ormoni da parte delle ghiandole che si trovano al di sopra dei reni. Un aumento nella produzione dell’ormone aldosterone modificherebbe il controllo del Sale nel corpo da parte di reni, causando un aumento della pressione arteriosa.

Se circa il 5% dei casi di ipertensione sono causati dalle crescite tumorali di grandi dimensioni, molti altri casi potrebbero essere prevenuti intervenendo sulle piccole crescite, sostengono gli autori dello studio.
Prima dunque di gettare la spugna pensando che la propria condizione di pressione alta sia definitiva, potrebbe essere utile accertarsi di non avere queste piccole crescite tumorali nelle proprie ghiandole surrenali.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!