IRCCS S. Raffaele: Cellule stami…

Un'equipe di ricercatori …

Reni: i tumori scoperti durante …

Sempre più persone scopro…

Distrofia muscolare di Duchenne:…

Si è concluso ieri il pri…

Un nuovo gene legato al tumore a…

Il quadro della genetica …

Come il cervello è in grado di d…

Perché mangiamo troppo …

Linee Guida ESPID per la polmoni…

Società Europea di Infe…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Il ruolo dell'amigdala come 'cen…

I ricercatori dell’Univ…

Ricordi che riaffiorano, a spese…

Il semplice atto di richi…

RNA soccorre le cellule in crisi…

(Adnkronos Salute) - Di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Rigetto post trapianto staminali: identificato un biomarker rilevabile da esami sangue


Identificato un biomarker rilevabile dagli esami del sangue che potrebbe essere utilizzato per predire quali pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali risultano maggiormente a rischio di sviluppare una risposta immunitaria potenzialmente fatale chiamata malattia del trapianto contro l’ospite.  Anche se gli specialisti hanno ridotto il suo impatto, la malattia del trapianto contro l’ospite rimane una delle principali cause di morte tra i pazienti che ricevono un trapianto di cellule staminali da un’altra persona, il trapianto allogenico. Il biomarker e’ stato scoperto da un team di ricercatori dell’Indiana University. Si tratta della proteina ST2: i pazienti con livelli maggiori della proteina hanno due volte in piu’ le probabilita’ di ammalarsi di malattia del trapianto contro l’ospite e circa quattro volte di morire nei sei mesi successi al trapianto. I risultati dello studio sono stati pubblicati sul ‘New England Journal of Medicine’.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi