Sclerosi multipla: non e' solo u…

[caption id="attachment_1…

Bimbi prematuri: staminali ripar…

Le cellule staminali poss…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

Federsalus scende in campo contr…

FederSalus plaude l’azi…

Vaiolo: debellato il virus umano…

Il virus del vaiolo bovin…

Meno rischi di fratture ossee pe…

Le donne di colore o asia…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

Diabete di tipo 2: livelli di am…

I livelli di alcuni meta…

Broncopneumopatia Cronica Ostrut…

In prossimità della XIII …

Pomodoro: sequenziato l'intero g…

Il risultato, di grande i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperta molecola che provoca ustioni e scottature, inibitori saranno ingredienti degli abbronzanti del futuro


I suoi inibitori potrebbero essere gli ingredienti degli abbronzanti del futuro
La lotta a ustioni ed eritemi solari potrebbe presto avere nuovi alleati: gli inibitori di Trpv4, una molecola che secondo Wolfgang Liedtke, ricercatore della Duke University di Durham (Stati Uniti), è la responsabile del dolore associato all’esposizione ai raggi Uv-B emessi dal sole. Quella di Liedtke non è una semplice ipotesi. Grazie ad uno studio condotto in collaborazione con la Rockefeller University di New York e l’Università della California di San Francisco, pubblicato sull’edizione online di Pnas, il ricercatore ha infatti scoperto che bloccare l’azione di Trpv4 protegge dal dolore associato alle ustioni solari.

I primi esperimenti sono stati condotti su topi da laboratorio caratterizzati dall’assenza di questa molecola nelle cellule dell’epidermide e hanno dimostrato che senza Trpv4 gli Uv-B danneggiano solo in minima parte la pelle degli animali. In seguito, studi su cellule della pelle di topo coltivate in laboratorio hanno svelato che l’esposizione agli Uv-B permette a Trpv4, che forma dei canali sulle membrane, di far entrare nelle cellule ioni calcio che, a loro volta, aumentano i livelli di endotelina, molecola nota per la sua capacità di indurre sia dolore, sia la sensazione di prurito. Infine, studi su campioni di pelle umana hanno verificato l’esistenza dello stesso meccanismo nelle cellule dell’uomo.

Spalmando sull’epidermide di alcuni topi un composto in grado di inibire selettivamente Trpv4 i ricercatori hanno anche dimostrato che bloccare l’azione di questo canale con prodotti ad uso topico rende la pelle resistente al dolore e agli altri effetti dannosi delle ustioni. Non solo, somministrando lo stesso composto a cellule dell’epidermide di topo in coltura è possibile bloccare l’ingresso di ioni calcio normalmente prodotto dagli Uv-B.

“I risultati rendono Trpv4 un nuovo bersaglio per prevenire e trattare le ustioni solari e probabilmente il danno cronico causato dal sole incluso il cancro alla pelle o il fotoinvecchiamento della pelle – ha spiegato Martin Steinhoff, coautore dello studio – tuttavia deve essere fatto più lavoro prima che gli inibitori di Trpv4 possano diventare parte dell’arsenale di difesa dal sole, magari in nuovi tipi di creme per la pelle, o trattare i danni cronici causati dal sole”. “Credo che dobbiamo essere cauti perché vogliamo vedere l’effetto dell’inibizione di TRPV4 sugli altri processi che si verificano nella pelle – ha aggiunto Liedtke – Una volta che queste preoccupazioni saranno risolte, dovremo adattare le molecole che bloccano TRPV4 per renderle più adatti all’applicazione topica. Posso immaginarli mescolati a tradizionali filtri solari per fornire una protezione più forte contro l’esposizione agli Uv-B”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!