Il meccanismo molecolare che ann…

[caption id="attachment_5…

AIRC, Università di Pavia: da 'v…

Vecchi antibiotici ritorn…

Cinque grammi di sale al giorno …

Troppo sale nei piatt…

Autismo e celiachia: studio sved…

Non c'e' nessun legame tr…

Ipnosi: tecnica estendibile anch…

Paziente 'in trance',…

Sindrome di Rett: una cura a bas…

Si aprono nuovi possibili…

Respinta la legge 40 dalla Corte…

Respinto, dalla Corte eur…

Ricomporre il puzzle genetico

Un team europeo di scienz…

Metodo Stamina bocciato dal Mini…

Il ministro della salute …

scoperta nuova forma di division…

Battezzata clerocinesi, è…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto un anticorpo che contrasta proteine che causano danni cerebrali

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuron suggerisce che anticorpi di recente identificazione potrebbero essere usati nel trattamento di prevenzione dell’accumulo di componenti tossici dell’Alzheimer (le proteine tau).


La ricerca, portata a termine da David Holtzman e Marc Diamond della Washington University School of Medicine di St. Louis, suggerisce che questi anticorpi potrebbero potenzialmente bloccare questo processo.”Abbiamo scoperto, in un modello murino, degli anticorpi anti-tau che possono ridurre fortemente l’accumulo delle proteine tau e migliorare funzioni cognitive nella malattia degenerativa chiamata demenza fronto-temporale.proteine-alzheimer Patologie simili a questa, causate dalle tau, sono per esempio il morbo di Alzheimer: dunque potrebbe profilarsi un trattamento per un gran numero di pazienti” ha spiegato Holtzman. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di screening per setacciare numerosi anticorpi e per isolare quelli che avrebbero potuto impedire l’assorbimento degli aggregati di proteine tau da parte delle cellule.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x