Dichiarazione di Novartis Vaccin…

Novartis è stata informat…

HIV: primi mesi dopo infezione r…

Il virus dell'Hiv (il vir…

Epatite C: ecatombe per le sanit…

Diverse ONG hanno chi…

Asma: un quarto degli attacchi p…

Il 25 per cento degli att…

STAR*AgroEnergy, l'Università di…

Illustrati i risultati de…

Dal lievito un nuovo meccanismo …

Scoperto in questo organi…

Carotenoidi e meno stress: i veg…

Più frutta e verdura nel …

Alzheimer: il gene della longevi…

[caption id="attachment_…

Il batterio che produce pepite d…

Grazie alla capacità di s…

Fecondazione assistita: 4.000 le…

Non si ferma il turismo d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto un anticorpo che contrasta proteine che causano danni cerebrali

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuron suggerisce che anticorpi di recente identificazione potrebbero essere usati nel trattamento di prevenzione dell’accumulo di componenti tossici dell’Alzheimer (le proteine tau).


La ricerca, portata a termine da David Holtzman e Marc Diamond della Washington University School of Medicine di St. Louis, suggerisce che questi anticorpi potrebbero potenzialmente bloccare questo processo.”Abbiamo scoperto, in un modello murino, degli anticorpi anti-tau che possono ridurre fortemente l’accumulo delle proteine tau e migliorare funzioni cognitive nella malattia degenerativa chiamata demenza fronto-temporale.proteine-alzheimer Patologie simili a questa, causate dalle tau, sono per esempio il morbo di Alzheimer: dunque potrebbe profilarsi un trattamento per un gran numero di pazienti” ha spiegato Holtzman. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di screening per setacciare numerosi anticorpi e per isolare quelli che avrebbero potuto impedire l’assorbimento degli aggregati di proteine tau da parte delle cellule.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!