L'impatto dell'epigenetica sui d…

Le malattie neuropsichiat…

I risultati del primo studio di …

[caption id="attachment_1…

“Minori Fuori Famiglia”: prima a…

I dati presentati a Roma …

Lupus eritematoso - Alcuni fatto…

[caption id="attachme…

Rigenerazione dei nervi: scopert…

Identificata un'unica mol…

Incontro con i nuovi titolari: …

FEDERFARMA TORINO ASSO…

Il Pacemaker più piccolo del mon…

[caption id="attachment_1…

Fidia Farmaceutici fra gli spons…

Abano Terme, 29 Aprile 20…

Il Senato approva il DdL Lorenzi…

Roma, 24 maggio 2016 – “V…

Nasce Medtronic Hospital Solutio…

Firmati i primi contratti…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto un anticorpo che contrasta proteine che causano danni cerebrali

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuron suggerisce che anticorpi di recente identificazione potrebbero essere usati nel trattamento di prevenzione dell’accumulo di componenti tossici dell’Alzheimer (le proteine tau).


La ricerca, portata a termine da David Holtzman e Marc Diamond della Washington University School of Medicine di St. Louis, suggerisce che questi anticorpi potrebbero potenzialmente bloccare questo processo.”Abbiamo scoperto, in un modello murino, degli anticorpi anti-tau che possono ridurre fortemente l’accumulo delle proteine tau e migliorare funzioni cognitive nella malattia degenerativa chiamata demenza fronto-temporale.proteine-alzheimer Patologie simili a questa, causate dalle tau, sono per esempio il morbo di Alzheimer: dunque potrebbe profilarsi un trattamento per un gran numero di pazienti” ha spiegato Holtzman. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di screening per setacciare numerosi anticorpi e per isolare quelli che avrebbero potuto impedire l’assorbimento degli aggregati di proteine tau da parte delle cellule.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x