Combattere il cancro riprogramma…

Il sistema di editing gen…

Tricotillomania e dieta: quale l…

[caption id="attachment_1…

Statine aiutano a prevenire un s…

[caption id="attachment_8…

Pediatria: allarme obesità, un b…

In Italia un bambino su …

Da Forli' in avanti il tumore al…

[caption id="attachment_5…

Cancro: uno su sei è provocato d…

Circa due milioni di nuov…

Epilessia: nuovi studi sull'orig…

Gli scienziati della Univ…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Da staminali della pelle al sang…

[caption id="attachment_9…

Alzheimer: stimolazione magnetic…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto un anticorpo che contrasta proteine che causano danni cerebrali

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neuron suggerisce che anticorpi di recente identificazione potrebbero essere usati nel trattamento di prevenzione dell’accumulo di componenti tossici dell’Alzheimer (le proteine tau).


La ricerca, portata a termine da David Holtzman e Marc Diamond della Washington University School of Medicine di St. Louis, suggerisce che questi anticorpi potrebbero potenzialmente bloccare questo processo.”Abbiamo scoperto, in un modello murino, degli anticorpi anti-tau che possono ridurre fortemente l’accumulo delle proteine tau e migliorare funzioni cognitive nella malattia degenerativa chiamata demenza fronto-temporale.proteine-alzheimer Patologie simili a questa, causate dalle tau, sono per esempio il morbo di Alzheimer: dunque potrebbe profilarsi un trattamento per un gran numero di pazienti” ha spiegato Holtzman. I ricercatori hanno utilizzato una tecnica di screening per setacciare numerosi anticorpi e per isolare quelli che avrebbero potuto impedire l’assorbimento degli aggregati di proteine tau da parte delle cellule.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi