Prostata in laparoscopia: interv…

[caption id="attachment_7…

Diabete di tipo 2: molto più agg…

I ragazzi con diabete di…

Nuova cura risolve l'eczema dell…

[caption id="attachment_1…

Linagliptin riduce in modo signi…

I risultati degli studi…

Obesità favorita dalle alterazio…

Un'attività biochimica al…

Farmacisti anche in case di cura…

Per migliorare l’assisten…

Obesità: scoperte cellule in gra…

Scoperte le cellule respo…

Pediatria: casi di asma in aumen…

''La tutela della sa…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Aggiornamento sul trattamento de…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

“Arricchire le conoscenze per migliorare la terapia”: l’importanza della broncodilatazione e nuove opzioni terapeutiche

AlmirallDal confronto tra esperti emerge l’importanza dell’antimuscarinico nel
trattamento dei sintomi della BPCO


 Aclidinio bromuro, con somministrazioni mattutine e serali, permette un
controllo della sintomatologia per tutte le 24 ore1.
 Aclidinio bromuro è il primo e solo agente antimuscarinico a lunga durata
d’azione (LAMA) reso disponibile con Genuair® un nuovo inalatore multidose a
polvere secca disponibile precaricato e pronto all’uso. Eklira® Genuair® ė
attualmente disponibile in Italia (da Maggio 2013)

Milano, 23 settembre 2013 – In Italia secondo i dati pubblicati dal Libro Bianco dell’ERS il
tasso di mortalità delle malattie respiratorie è del 65/100.0002, dato che si attesta al
15,35/100.000 se si prende in considerazione la sola BPCO3. Una stima riportata dall’Istituto
Nazionale di Statistica, che si riferisce ad una diagnosi, nota agli intervistati, di bronchite
cronica o enfisema è pari al 4,5% per l’intera popolazione, con una lieve minor frequenza
nelle femmine rispetto ai maschi. Questa stima, che pone la BPCO al sesto posto fra le
malattie croniche presenti in Italia e che, tradotta in valore assoluto, individua oltre 2.600.000
cittadini italiani ammalati, è quasi certamente una sottostima delle dimensioni reali della
prevalenza della malattia.4
In occasione del workshop scientifico “BPCO: arricchire le conoscenze per migliorare la
terapia”, promosso da Almirall, che si è svolto a Roma il 19 e 20 settembre, gli specialisti si
sono confrontati su temi quali la sintomatologia, la diagnosi precoce, l’importanza della
broncodilatazione, l’aderenza al trattamento e il ruolo delle comorbidità.
“L’incontro ha messo al centro dell’attenzione l’importanza della sensibilizzazione sulla
BPCO” – afferma il Prof. Francesco Blasi, Ordinario di Malattie Respiratorie
all’Università Statale di Milano e past-president dell’European Respiratory Society
(ERS) – “una malattia cronica dei polmoni altamente debilitante che compromette la qualità
della vita dei pazienti”. “Un punto fondamentale,” – continua il prof. Blasi – “del quale si è
discusso durante il workshop, è l’aderenza alle terapie da parte dei pazienti che può risultare
critica per l’efficacia del trattamento”.

Per controllare la sintomatologia della BPCO, composta da dispnea (difficoltà di
respirazione), eccessivo muco e tosse cronica, è stato approvato, in Europa e negli Stati
Uniti, aclidinio bromuro, un nuovo agente antimuscarinico a lunga durata d’azione
(LAMA). Aclidinio bromuro, nome commerciale Eklira® Genuair®, è un trattamento
broncodilatatore di mantenimento volto ad alleviare i sintomi della BPCO nei pazienti adulti e
in grado di offrire una bronco dilatazione sostenuta sin dal primo giorno.5,6
Il nuovo farmaco riduce i sintomi della BPCO, quali il respiro corto, la tosse e
l’espettorato,1,7,8 con un miglioramento clinicamente significativo della qualità della vita e
della dispnea. La dose raccomandata è di un’inalazione da 322 mcg due volte al giorno1.
“I miglioramenti della sintomatologia dimostrati con Eklira® Genuair®” – afferma il Prof.
Mario Cazzola, Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Respiratorie
dell’Università di Roma Tor Vergata – “fanno di aclidinio una valida opzione terapeutica per
i pazienti, con benefici reali nelle attività quotidiane”. “Il trattamento permette un controllo
della sintomatologia nell’arco delle 24 ore” – continua il prof. Cazzola – “consentendo di
alleviare durante tutto il giorno e la notte i sintomi della BPCO”.
I broncodilatatori sono fondamentali per il trattamento della BPCO e Eklira® Genuair®, il più
recente broncodilatatore disponibile, si avvale di un dispositivo inalatorio (Genuair®) facile da
utilizzare da parte dei pazienti.
Il dispositivo Genuair®
Eklira® Genuair® è il primo e solo agente antimuscarinico a lunga durata d’azione (LAMA)
somministrato attraverso Genuair®, un nuovo inalatore multidose a polvere secca sul quale
vengono precaricate 60 dosi per il trattamento di un mese.
Genuair® è un inalatore facile da utilizzare e con un originale meccanismo di controllo in
grado di rassicurare i pazienti sulla corretta assunzione del farmaco. Il dispositivo è stato
progettato con un doppio sistema di controllo: è udibile un ‘click’ quando il paziente sta
inalando correttamente e, una volta terminata l’inalazione, una finestra di controllo cromatico
passa da verde (pronto all’uso) a rosso. Il dispositivo comprende anche sistemi di sicurezza,
quali un indicatore che mostra al paziente le dosi approssimativamente residue, un
meccanismo che impedisce somministrazioni ripetute e un sistema di bloccaggio per
impedire l’uso a vuoto dell’inalatore.
Questa sua tecnologia, la praticità e la facilità di utilizzo garantiscono un maggior numero di
inalazioni corrette9 e una conseguente preferenza dei pazienti rispetto ad altri inalatori10.
Workshop “Arricchire le conoscenze per migliorare la terapia”
Il workshop ha rappresentato un momento di dialogo e di approfondimento tra gli specialisti
che si sono confrontati sulla pratica clinica e sulle nuove strategie di gestione della BPCO,
malattia cronica dei polmoni, altamente debilitante che colpisce circa 44 milioni di persone
nel mondo11.
Dal workshop è emerso che la sintomatologia del paziente con BPCO è altamente variabile,
dal momento che l’incidenza dei sintomi si distribuisce nell’arco delle 24 ore, manifestandosi
non solo al mattino ma anche durante la notte.
Tra i temi affrontati durante l’incontro sono emersi l’importanza della broncodilatazione e
l’aderenza al trattamento.
I boncodilatatori per via inalatoria sono essenziali nel controllo della sintomatologia del
paziente con BPCO. Essi migliorano i volumi polmonari riducendo l’iperinsufflazione a riposo
e sotto sforzo. Questi farmaci migliorano inoltre la resistenza all’esercizio con evidenti
benefici nella vita di tutti i giorni del paziente.12
La terapia inalatoria gioca un ruolo centrale nel trattamento della BPCO ma è noto che molti
pazienti non “aderiscono” ai consigli terapeutici. Diversi studi hanno riportato percentuali di
non aderenza fino al 60%. Inoltre i pazienti possono commettere errori nell’impiego degli
inalatori, errori che possono essere critici per l’efficacia del trattamento. E’ noto, infine, come
la non aderenza del paziente possa influire sugli esiti clinici.13
Il fattore di rischio più importante nella BPCO è il fumo di sigaretta (anche quello passivo), e
quello altri tipi di tabacco. Esistono altre cause documentate di BPCO quali polveri e agenti
chimici (vapori, irritanti e fumi), e cause domestiche di inquinamento da combustibile
(biomassa) utilizzato per cucinare e riscaldare in ambienti mal ventilati. Fondamentale è
quindi la diagnosi precoce, soprattutto ogni qualvolta ci si trova in presenza di un soggetto
che è stato esposto a fattori di rischio e che presenta sintomi quali tosse, espettorato,
mancanza di fiato durante lo sforzo fisico. La diagnosi dovrebbe essere confermata da prove
di funzionalità respiratoria che ne determinino la gravità e che permettono di seguire il
decorso della malattia. La Spirometria, semplice e innocuo esame eseguibile in tutti i centri
pneumologici, è il metodo migliore per diagnosticare e monitorare la BPCO. La gravità della
BPCO (a rischio, lieve, moderata o grave), determinata in base ai risultati della spirometria,
la gravità dei sintomi, il numero delle riacutizzazioni per anno e la presenza o meno di altre
patologie, sono fattori fondamentali per programmare una corretta gestione del paziente.14
Almirall
Almirall è una società farmaceutica che si occupa di produrre farmaci di valore grazie all’impegno della sua
divisione di Ricerca & Sviluppo, insieme a partnership esterne, licenze e collaborazioni. Nel 2012 Almirall ha
investito più del 23% delle vendite in R&D. Attraverso la ricerca di medicinali innovativi puntiamo a diventare un
player rilevante in materia di malattie respiratorie e dermatologiche con un forte interesse anche nella
gastroenterologia e nel dolore. Con più di 3.000 dipendenti in 22 paesi, Almirall ha generato un fatturato
complessivo pari a 900 milioni di Euro nel 2012.
La società è stata fondata nel 1943 e ha la sede centrale in Spagna, a Barcellona. Il titolo è quotato alla Borsa
spagnola (ticker: ALM).
Per maggiori informazioni visitare il sito www.almirall.com
Per maggiori informazioni:
Ketchum
Silvana Visentini / Michele Grieco
silvana.visentini@ketchum.com / michele.grieco@ketchum.com
Telefono: 02 62411918 / 348 8526212 / 02 62411963
1 Eklira Genuair Summary of Product Characteristics – June 2013
2 http://www.erswhitebook.org/chapters/the-burden-of-lung-disease/
3
http://www.erswhitebook.org/chapters/chronic-obstructive-pulmonary-disease/
4 Age.Na.S – Agenzia nazionale per i servizi regionali, http://www.agenas.it/agenas_pdf/BPCO.pdf
5 Beier J, Kirsten AM, Mroz R, et al. Efficacy and safety of aclidinium bromide compared with placebo and tiotropium in patients
with moderate-to-severe chronic obstructive pulmonary disease: results from a 6- week, randomised, controlled phase IIIb
study. COPD. 2013;10:511-522.
6 Jones PW, Singh D, Bateman ED, et al. Efficacy and safety of twice-daily aclidinium bromide in COPD patients: the ATTAIN
study. Eur Respir J. 2012; 40: 830-836
7 Beier J, Kirsten AM, Mrûz R, Segarra R, Chuecos F, Caracta C, Gil EG. Efficacy and Safety of Aclidinium Bromide Compared
with Placebo and Tiotropium in Patients with Moderate-to-Severe Chronic Obstructive Pulmonary Disease: Results from a 6-
week, Randomized, Controlled Phase IIIb Study. COPD 2013 [Epub ahead of print] doi: 10.3109/15412555.2013.814626
8 Agusti A, Jones PW, Bateman ED, et al. Imprevement in symptoms and rescue medication use with aclidinium bromide in
patients with COPD: results from ATTAIN. Poster presented at the European Respiratory Society annual congress. Amsterdam,
Sept 24-28, 2011
9 Magnussen H, Watz H, Zimmermann I, et al. Peak inspiratory flow through the Genuair® inhaler in patients with moderate or
severe COPD.Respir Med. 2009;103(12):1832-7
10 Van der Palen J, Ginko T, Kroker A, et al. Preference, satisfaction and critical errors with Genuair® and Handihaler® in
patients with COPD. Poster presented at the European Respiratory Society Annual Congress, Vienna, Austria, Sep 1-5, 2012
Eur Respir J Suppl. Vol. 40, Suppl 56, september 2012. P2177. 389s
11 European Lung Foundation – 2012
12 Global Initiative for Chronic Obstructive Lung Disease, Global Strategy for the Diagnosis, Management, and Prevention of
Chronic Obstructive Pulmonary Disease. Updated 2013, at: www.goldcopd.org
13 Takemura M, Mitsui K, Itotani R et al. Relationships between repeated instruction on inhalation therapy, medication
adherence, and health status in chronic obstructive pulmonary disease. International Journal of COPD 2011:6 97–104
14 http://www.goldcopd.it/bpco_faq.htm

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!