Giuseppe Mele, presidente della …

I genitori di oggi guarda…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

Dolore cronico: al via il proget…

Il farmacista come riferi…

Morbo di Parkinson: scoperta pro…

Scoperta la proteina-sent…

Promettenti le cellule nervose a…

[caption id="attachme…

Stati di stress da non sottovalu…

Lo stress non è da so…

Antibioticoterapia In età pediat…

Le figure più autorevoli …

CCSVI: studio italiano su cura Z…

Uno studio italiano p…

La terapia del dolore in Italia

(Fonte Istat e Relazion…

La SIPPS lancia l’allarme: con i…

La Società Italiana di Pe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Artroscopia per riparare la caviglia “del calciatore”

Nel mondo dello sport è chiamata ‘caviglia del calciatore’, ma anche chi non è professionista potrebbe soffrirne.


Oggi con la chirurgia ‘microinvasiva’ è possibile trattare questa condizione che spesso viene banalizzata, ma che dà origine a problemi posturali. “La microchirurgia della caviglia è una delle tecniche artroscopiche dove si sta avanzando di più”. Lo spiega Francesco Ljoi, direttore dell’Unità operativa di ortopedia e traumatologia presso l’azienda unità sanitaria di Forlì, a Milano in occasione della presentazione del XXI Congresso nazionale della Società italiana di artroscopia che si terrà a Pesaro dal 2 al 4 ottobre.artrosi

La Fifa ha monitorato tutti gli infortuni dei professionisti appartenenti sia ai club nazionali femminili che maschili, di tutte le fasce d’età, nelle competizioni mondiali avvenute tra il 1998 e il 2012, ed è emerso che “in un quinto degli infortuni avvenuti la caviglia era la parte del corpo ‘colpita’ – spiega Ljoi – Il dolore alla caviglia spesso viene banalizzato, ma crea grossi problemi, soprattutto più avanti con l’età – avverte lo specialista – perché influenza tutta la postura”.

“Dieci anni fa si conosceva solo la parte anteriore della caviglia, perché era difficile raggiungere quella posteriore a causa di vasi e nervi – sottolinea l’esperto – Ora la caviglia la vediamo a 360 gradi ed è possibile trattare quasi tutta la patologia correlata”.

A causare l’insieme di problematiche che colpiscono questa parte del corpo così delicata sono diverse condizioni, spesso presenti in chi gioca a pallone: calli ossei sulla tibia che si formano per i colpi presi, lassità dei legamenti per ripetuti traumi e lesioni alla cartilagine. Non bisogna dunque prendere sottogamba un dolore alle ‘basse’ articolazioni, e questo vale sia per lo sportivo che per il calciatore amatoriale, o per chi pratica attività che mettono a dura prova le caviglie.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi