La trombosi ai tempi della crisi

La morte più probabile pe…

Degenerazione maculare: farmaci …

Un trattamento farmacolog…

Cancro: peptide derivato dal pes…

Ricercatori identific…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Assogenerici: Poche e semplici n…

I produttori di equivalen…

La riserva ovarica, stabilita da…

Nelle ovaie di topo a…

Alzheimer: la scoperta di una mo…

Un nuovo promettente comp…

Emozioni: lette per la prima vol…

Per la prima volta, g…

DNA: da quattro a otto le basi o…

Per decenni, gli scienzia…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Chemioterapia: un additivo alimentare bloccherebbe l’insorgenza di gravi effetti collaterali

Un additivo alimentare utilizzato nei cibi per cani riesce a bloccare l’insorgenza di alcuni effetti collaterali della chemioterapia.


Lo ha scoperto un team di ricercatori della Johns Hopkins che ha dimostrato che un comune conservante contrasta i dolori e i danni della neuropatia periferica nei topi. Si tratta di un antiossidante conservante chiamato “etossichina” che negli esperimenti e’ risultato efficace nella riduzione degli effetti dannosi correlati all’esposizione al taxolo, principio attivo che inibisce la mitosi utilizzato nella chemioterapia del cancro.   La speranza e’ sfruttare le abilita’ protettive dell’etossichina per sviluppare un farmaco che possa essere somministrato ai malati di cancro prima del taxolo, alla stregua dei medicinali anti-nausea utilizzati al momento.
“Milioni di persone malate di cancro assumono il taxolo – ha spiegato Ahmet Hoke, leader della ricerca pubblicata sugli Annals of Neurology – e circa l’80 per cento finisce per soffrire di neuropatia periferica. L’etossichina, a quanto emerge dai nostri risultati, rende le cellule resistenti a questo effetto tossico del taxolo”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi