Esercizio fisico: quando è tropp…

Due studi suggeriscono ch…

Contro il papillomavirus, il tes…

[caption id="attachme…

Hiv, informazione e responsabili…

“Più educazione sessuale …

Il ruolo particolare dell'RNA ch…

Identificata una "quinta"…

Botox: usato per curare l'emicra…

[caption id="attachment_1…

Pollini: potrebbero diventare pr…

I pollini, problema annua…

Zanzara tigre: i rischi della pu…

La fastidiosa zanzara tig…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Alzheimer: diagnosi precoce graz…

I primi sintomi dell'Alz…

La fase III dello studio GALA pu…

Gerusalemme,  Luglio 2013…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Risorse energetiche delle cellule gestite dall’orologio circadiano

Il ritmo del nostro orologio biologico interno (detto circadiano) e’ fondamentale per la gestione di energia da parte delle cellule, in particolare durante i periodi di digiuno.    Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Science’. Gli scienziati hanno scoperto che il timing biologico e’ profondamente intrecciato con il metabolismo. In particolare, lo studio dimostra che l’orologio circadiano innesca i processi energetici della cellula. “Le cellule sono in grado di usare il carburante che hanno immagazzinato solo quando l’orologio circadiano funziona correttamente”, ha spiegato Joe Bass, fra gli autori della ricerca.

Studiando i topi, gli scienziati hanno trovato che l’orologio circadiano fornisce il ‘fiammifero’ necessario ad accendere le ‘fornaci’ delle cellule, i mitocondri. Sulla punta di questo fiammifero c’e’ un composto chiamato NAD+ che si combina con un enzima mitocondriale, Sirtuin 3, che agisce un po’ come una selce e che accende la fornace. Quando in un animale questo orologio non funziona, l’animale non puo’ metabolizzare l’energia immagazzinata e le cellule non hanno energia.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x