Cervarix contro le forme piu' ag…

[caption id="attachme…

ARISLA: interfaccia cervello-com…

Accendere e spegnere la l…

Allergie: un italiano su 5 non t…

Negli ultimi anni stanno …

Il ritorno a scuola dopo le vaca…

I pidocchi si contraggono…

Depressione, per l'area più anti…

La reazione allo stress e…

[Euromelanoma 2012]News sul mela…

1.           Nel  rece…

Legame tra autismo e anticorpi m…

Un gruppo di ricercator…

Melanomi: un raggio laser per lo…

[caption id="attachment_6…

Tumori: in laboratorio molecole …

I ricercatori dell'Unive…

Depressione: le lunghe maratone …

Puo' sembrare una cosa in…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Risorse energetiche delle cellule gestite dall’orologio circadiano

Il ritmo del nostro orologio biologico interno (detto circadiano) e’ fondamentale per la gestione di energia da parte delle cellule, in particolare durante i periodi di digiuno.    Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Science’. Gli scienziati hanno scoperto che il timing biologico e’ profondamente intrecciato con il metabolismo. In particolare, lo studio dimostra che l’orologio circadiano innesca i processi energetici della cellula. “Le cellule sono in grado di usare il carburante che hanno immagazzinato solo quando l’orologio circadiano funziona correttamente”, ha spiegato Joe Bass, fra gli autori della ricerca.

Studiando i topi, gli scienziati hanno trovato che l’orologio circadiano fornisce il ‘fiammifero’ necessario ad accendere le ‘fornaci’ delle cellule, i mitocondri. Sulla punta di questo fiammifero c’e’ un composto chiamato NAD+ che si combina con un enzima mitocondriale, Sirtuin 3, che agisce un po’ come una selce e che accende la fornace. Quando in un animale questo orologio non funziona, l’animale non puo’ metabolizzare l’energia immagazzinata e le cellule non hanno energia.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x