La pillola magnetica 'comandata'

Guidare una pillola là do…

Infarto: dal pesce zebra esempio…

Riprendersi da un attacco…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

Teva: 6 siti produttivi e progra…

“The Italian-Israeli Bu…

Interpretare e guarire il dolore…

Gli specialisti apprender…

Ictus: moto, anche moderato, ne …

L'attivita' fisica ab…

Diabete: dolcificanti artificial…

Il consumo di dolcifican…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Cellule staminali: in arrivo una…

Nuovi farmaci, frutto del…

Radioterapia: piccole dosi in gr…

Grazie a una sperimentazi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Risorse energetiche delle cellule gestite dall’orologio circadiano

Il ritmo del nostro orologio biologico interno (detto circadiano) e’ fondamentale per la gestione di energia da parte delle cellule, in particolare durante i periodi di digiuno.    Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Science’. Gli scienziati hanno scoperto che il timing biologico e’ profondamente intrecciato con il metabolismo. In particolare, lo studio dimostra che l’orologio circadiano innesca i processi energetici della cellula. “Le cellule sono in grado di usare il carburante che hanno immagazzinato solo quando l’orologio circadiano funziona correttamente”, ha spiegato Joe Bass, fra gli autori della ricerca.

Studiando i topi, gli scienziati hanno trovato che l’orologio circadiano fornisce il ‘fiammifero’ necessario ad accendere le ‘fornaci’ delle cellule, i mitocondri. Sulla punta di questo fiammifero c’e’ un composto chiamato NAD+ che si combina con un enzima mitocondriale, Sirtuin 3, che agisce un po’ come una selce e che accende la fornace. Quando in un animale questo orologio non funziona, l’animale non puo’ metabolizzare l’energia immagazzinata e le cellule non hanno energia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi