Tecnica a base di iniezioni di s…

Un'iniezione di staminal…

Alzheimer: diagnosi oggettive si…

Un team di ricercatori gu…

ELANA riporta il sangue al cerve…

  [caption id="attachm…

Fumo: il sistema/vaccino che non…

I ricercatori hanno inser…

Studio: per la prima volta otten…

[caption id="attachment_8…

Se il legno può sostituire le os…

La questione se le ossa d…

Stress ossidativo tra le cause d…

[caption id="attachme…

Ottimi i risultati del Cetuximab…

[caption id="attachme…

Cefalea post-coitale: un uomo su…

È noto come mal di testa …

L’FDA approva un nuovo farmaco b…

La Food and Drug Administ…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Risorse energetiche delle cellule gestite dall’orologio circadiano

Il ritmo del nostro orologio biologico interno (detto circadiano) e’ fondamentale per la gestione di energia da parte delle cellule, in particolare durante i periodi di digiuno.    Lo studio della Northwestern University e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Science’. Gli scienziati hanno scoperto che il timing biologico e’ profondamente intrecciato con il metabolismo. In particolare, lo studio dimostra che l’orologio circadiano innesca i processi energetici della cellula. “Le cellule sono in grado di usare il carburante che hanno immagazzinato solo quando l’orologio circadiano funziona correttamente”, ha spiegato Joe Bass, fra gli autori della ricerca.

Studiando i topi, gli scienziati hanno trovato che l’orologio circadiano fornisce il ‘fiammifero’ necessario ad accendere le ‘fornaci’ delle cellule, i mitocondri. Sulla punta di questo fiammifero c’e’ un composto chiamato NAD+ che si combina con un enzima mitocondriale, Sirtuin 3, che agisce un po’ come una selce e che accende la fornace. Quando in un animale questo orologio non funziona, l’animale non puo’ metabolizzare l’energia immagazzinata e le cellule non hanno energia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!