Al Besta messa a punto cura cont…

[caption id="attachment_8…

Italiani sedentari: sovrappeso u…

Sedentari, poco sportivi,…

Cosa fa funzionare i mitocondri

[caption id="attachment_8…

Ricreata in laboratorio l'origin…

[caption id="attachment_6…

Broccoli anti-cancro, ma collabo…

[caption id="attachment_…

Sindrome metabolica: frutta secc…

Le noci e altri tipi di f…

Autismo e schizofrenia condivido…

[caption id="attachment_9…

Il laser di nuova generazione pe…

[caption id="attachment_…

La chiave della 'speciazione' e'…

[caption id="attachment_7…

Disturbo da deficit di attenzion…

È così il vostro bambino?…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Influenza: scoperta una sconosciuta strategia di attacco del virus

Scoperto un inedito meccanismo che permette all’influenza di infettare le cellule da un nuovo studio condotto da Jesse Bloom della Fred Hutch Basic Sciences Division.


I virus influenzali sfruttano due proteine principali per fare il lavoro “sporco”: una proteina chiamata emoagglutinina, che favorisce l’infezione delle cellule, e una proteina chiamata neuraminidasi che aiuta il virus a fuggire dalle cellule. influenza_virusLa ricerca ha adesso scoperto un virus influenzale che utilizza la neuraminidasi diversamente e cioe’ per attaccare le cellule. I ricercatori hanno scoperto il nuovo meccanismo di infezione dopo aver mutato l’emoagglutinina di un ceppo di influenza adattato in laboratorio in modo che non potesse piu’ attaccare le cellule.

“Ci aspettavamo che a queste condizioni il virus non riuscisse piu’ ad infettare le cellule” ha spiegato Bloom tra le pagine del Journal of Virology “siamo invece rimasti sorpresi quando il virus ha iniziato a crescere attraverso l’evoluzione della neuraminidasi”. La scoperta apre nuove vie di ricerca per contrastare l’aggressivita’ dei virus influenzali.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x