Benzodiazepine per gli anziani p…

Le benzodiazepine aumenta…

Pelle "in vitro".

Pelle creata utilizzando …

Le giornate neurologiche torines…

Dalle Giornate Neurologic…

Il fumo passivo pericoloso anche…

[caption id="attachment_8…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

[Sanitanews] Universita' di Mode…

[caption id="attachme…

Proterozoico "ossigenato" da un …

[caption id="attachment_7…

Diabete: la tirosina a livelli e…

Elevati livelli di un amm…

AIRC e le arance della salute. S…

Nelle principali piazze i…

Tessuto adiposo di fianchi, glut…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Influenza: scoperta una sconosciuta strategia di attacco del virus

Scoperto un inedito meccanismo che permette all’influenza di infettare le cellule da un nuovo studio condotto da Jesse Bloom della Fred Hutch Basic Sciences Division.


I virus influenzali sfruttano due proteine principali per fare il lavoro “sporco”: una proteina chiamata emoagglutinina, che favorisce l’infezione delle cellule, e una proteina chiamata neuraminidasi che aiuta il virus a fuggire dalle cellule. influenza_virusLa ricerca ha adesso scoperto un virus influenzale che utilizza la neuraminidasi diversamente e cioe’ per attaccare le cellule. I ricercatori hanno scoperto il nuovo meccanismo di infezione dopo aver mutato l’emoagglutinina di un ceppo di influenza adattato in laboratorio in modo che non potesse piu’ attaccare le cellule.

“Ci aspettavamo che a queste condizioni il virus non riuscisse piu’ ad infettare le cellule” ha spiegato Bloom tra le pagine del Journal of Virology “siamo invece rimasti sorpresi quando il virus ha iniziato a crescere attraverso l’evoluzione della neuraminidasi”. La scoperta apre nuove vie di ricerca per contrastare l’aggressivita’ dei virus influenzali.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi