Melone amaro: 'in vitro' l'estra…

[caption id="attachment_6…

Cancro al seno: diagnosi sofisti…

Nonostante l'impegno note…

Leucemia mieloide cronica: terap…

E’ una proteina la respon…

Scoperto un sotto-codice genetic…

[caption id="attachment_7…

Micro RNA e le nuove terapie per…

Farmaci a base di micro-R…

Antibiotici contro malaria funzi…

[caption id="attachment_8…

Obesità favorita dalle alterazio…

Un'attività biochimica al…

Ossido di azoto, NO sintasi e re…

[caption id="attachment_2…

Creata prima retina da cellule s…

[caption id="attachment_7…

Tumori polmonari: il CNR identif…

Confermato il ruolo del g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Janssen lancia l’applicazione “Cosa fare in caso di avvelenamenti”

janssenMilano, 2 settembre 2013 – E’ da oggi disponibile grazie a Janssen Italia l’applicazione “Cosa fare in caso di avvelenamenti”, un servizio che fornisce informazioni ed indicazioni in caso di esposizione o ingestione accidentale di agenti pericolosi: principali agenti tossici, piante e classi di farmaci.

Elaborata da un board scientifico di farmacisti e da T&C srl, con la consulenza del Centro Antiveleni dell’Azienda Ospedaliera “Ospedale Niguarda Ca’ Granda” di Milano, l’applicazione si propone come strumento di facile ed immediata consultazione. Suddivisa in sezioni, suggerisce le principali domande relative a “Cosa chiedere se ti chiamano per un consiglio” e permette la ricerca di informazioni per causa di avvelenamento e relativi antidoti disponibili.

“Cosa fare in caso di avvelenamenti” è la seconda di una collana di applicazioni, dopo “STRAVASI e CONTAMINAZIONI”, sviluppata da Segno&Forma per Janssen Italia; è disponibile gratuitamente, per gli operatori sanitari, su App Store (sia per iPhone che per iPad) e Google Play ed è accessibile tramite password che può essere richiesta via mail a janssenitalia@jacit.jnj.com

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi