Il tatto: la finissima sensibili…

Grazie alla elevata sensi…

Al Policlinico Gemelli di Roma e…

L’intervento è stato cond…

Batteri modificati per diventare…

[caption id="attachment_1…

Vista e udito non sempre sono si…

Le persone apparentem…

Giornata Mondiale della Vista 20…

Neovision aderisce all’in…

Alzheimer: studio scopre come vi…

I ricercatori della Lund …

Noduli tiroidei: Nuova classific…

Stabilire una classificaz…

Fertilità al maschile: in molti …

La microchirurgia riaccen…

Da Palermo la proposta di ‘Anemi…

Professori, medici spec…

Nuovo farmaco contro il melanoma…

Nuove speranze per chi ha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Le patologie ostruttive polmonari accelerano i processi di degenerazione cognitiva

La malattia polmonare ostruttiva e’ associata ad un calo delle funzioni cognitive, comprese memoria ed elaborazione delle informazioni.


E’ quanto scoperto da un nuovo studio condotto da Fiona Cleutjens del CIRO presentato al congresso annuale della European Respiratory Society che suggerisce che un anomalo funzionamento cognitivo potrebbe essere un sintomo cruciale della malattia polmonare ostruttiva.   Il dato e’ emerso dall’analisi di 5764 persone affette dalla patologia polmonare e 37275 non colpite dalla condizione. Tutti i partecipanti sono stati sottoposti ad una serie di test per valutare le performance cognitive.

Gli individui con diagnosi di malattia polmonare ostruttiva hanno raccolto punteggi peggiori rispetto al gruppo di controllo nei test sulla memoria, sull’elaborazione delle informazioni e sui tempi di reazione, dimostrando che la patologia aumenta le possibilita’ di sviluppare disturbi cognitivi.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi