Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Procreazione assistita: in Itali…

In Italia c'e' una tenden…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Un farmaco anti-asma utile anche…

Il farmaco Amlexanox (nom…

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Mal di schiena: acqua e sale funzionano

Ricercatori offrono una speranza a chi soffre di mal di schiena cronico con un trattamento per mezzo di un’iniezione a base di una soluzione salina che è risultato più efficace degli steroidi

Nel trattamento del dolore cronico alla schiena è risultata più efficace una semplice soluzione salina (o fisiologica) che non gli steroidi.
Il dolore alla schiena, quando assume una forma di cronicità, può essere altamente invalidante e ridurre di molto la qualità della vita di chi ne soffre. Le cure farmacologiche attuali si basano soprattutto sulla somministrazione dei steroidi che, tuttavia, sono fonte di preoccupazione tra gli esperti per via dei potenziali effetti collaterali.
dolore_osteoarticolare
Tra i numerosi effetti avversi degli steroidi vi sono un aumento dei livelli di zuccheri nel sangue, che mettono a rischio i pazienti diabetici; una più lenta guarigione delle ferite, che può influire per esempio quando ci si debba sottoporre a un intervento chirurgico; un aumento del rischio di patologie a carico delle ossa e un’accelerazione nella progressione delle malattie ossee nelle donne anziane.

Il dolore di schiena cronico può essere talmente forte da assumere connotati paralizzanti. Questo, oltre a rendere difficile conviverci, è causa di numerose giornate di lavoro perse ogni anno – con un danno economico oltre che sanitario.
La ricerca dunque di un’alternativa efficace e quantomeno priva di effetti collaterali ha spinto i ricercatori statunitensi coordinati dal prof. Steven J. Cohen, del Department of Medical Oncology, Fox Chase Cancer Center, a trovare in una semplice soluzione fisiologica iniettabile la possibile “soluzione”.

L’iniezione del liquido avverrebbe nello spazio epidurale, e che si trova intorno al midollo spinale.
I test condotti con la soluzione fisiologica hanno mostrato di essere validi. L’iniezione è risultata efficace nel ridurre il dolore, senza potenzialmente sortire gli effetti collaterali degli steroidi.
I risultati finali, pubblicati sulla rivista Anesthesiology, mostrano pertanto che questa soluzione potrebbe essere un’opzione di cura per il dolore di schiena cronico. Ulteriori approfondimenti sono richiesti, tuttavia le speranze sono ben fondate.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!