Tradotto il linguaggio dei delfi…

[caption id="attachment_…

L'Europa promuove la ricerca tra…

La messa in rete e la coo…

Dati di uno studio di Fase III d…

Dati di uno studio di Fas…

Assegnato il Nobel per la Chimic…

[caption id="attachment_9…

Altro che DNA 'spazzatura' - il …

[caption id="attachment_1…

Polifenoli del vino rosso: studi…

Un bicchiere di vino ross…

La dieta mediterranea per le don…

Migliore salute e vita pi…

Mappate le complesse connessioni…

Definita per la prima…

Pressione alta: possibile causat…

Fino al 10% dei casi …

Scienziati trovano una nuova str…

Un team di ricercatori fi…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Metodo Stamina: le basi su cui si fonda, neuroni ottenuti da cellule mesenchimali

Il metodo Stamina, messo a punto dal presidente della Stamina Foundation, Davide Vannoni, si basa sulle cellule staminali del midollo osseo, chiamate mesenchimali, note per la loro capacità di dare origine ai tessuti di ossa, pelle e cartilagine.

Secondo la tesi portata avanti da Fondazione Stamina, è possibile trasformare queste stesse cellule anche in neuroni, utilizzando una sostanza nota per la funzione che svolge nello sviluppo delle cellule, come l’acido retinoico, e diluendola nell’etanolo.

La tecnica consisterebbe quindi nell’estrarre le cellule staminali mesenchimali dal midollo osseo dei pazienti, nel tenerle in coltura nell’acido retinoico diluito per farle differenziare in cellule nervose e quindi nel reinfonderle nello stesso paziente.

La Fondazione Stamina ritiene che la tecnica sia efficace per curare anche malattie neurodegenerative come l’atrofia muscolare spinale (Sma). Quest’ultima è diventata famosa come la “malattia di Celeste”, dal nome della bambina di due anni i cui genitori hanno presentato nell’agosto 2012 un ricorso perchè potesse riprendere la terapia sperimentale cui era stata sottoposta presso gli Spedali Civili di Brescia.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!