Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

I dermatologi ai pazienti con ps…

Più di un terzo dei pazie…

Le leggi che ritardano l’arrivo …

In Italia perdura la prat…

[Santanews]Dialisi peritoneale: …

[caption id="attachment_6…

Scoperta nuova molecola che bloc…

Il gruppo di Oncogenomica…

I telomeri: le nostre clessidre …

I telomeri sono le nostre…

Vaccino quadrivalente anti-HPV: …

Alti tassi di copertura v…

Stress e collera: i geni incidon…

Una nuova scoperta nel ca…

Ossa e cartilagine rigenerate gr…

In futuro le fratture oss…

Terapia anti TNF: l'UE approva i…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperta proteina della memoria: si riduce con l’età.


Scoperta la proteina ‘della memoria’: si chiama ‘RbAp48’ e si riduce con l’età, spiegando perché, man mano che gli anni passano, la memoria vacilla. Resa nota sulla rivista Science Translational Medicine, la scoperta è del gruppo del Nobel Eric Kandel della Columbia University.proteina_memoriaLo studio mostra inoltre – in esperimenti su topi – che aggiungendo RbAp48 nel cervello, la memoria anziano persa si può recuperare. Come l’Alzheimer, la proteina riguarda la zona dell’ippocampo, ma in sub-aree distinte.Un team di scienziati ha scoperto che la carenza di una proteina chiamata RbAp48 nell’ippocampo ha un ruolo significativo nella perdita della memoria legata all’età. Ma, soprattutto, che questo inconveniente sarebbe reversibile.

Anziani, perché perdono la memoria. E non c’entra nulla con l’AlzheimerROMA – Adesso si sa perché gli anziani ricordano sempre meno. Un team della Columbia University guidato dal premio Nobel Eric Kandel ha scoperto che la carenza di una proteina chiamata RbAp48 nell’ippocampo ha un ruolo significativo nella perdita della memoria legata all’età. Ma, soprattutto, che questo inconveniente sarebbe reversibile. Lo studio, condotto su cellule del cervello umano post mortem e sui topi, suggerisce anche con forza che la perdita di memoria correlata all’età e la malattia di Alzheimer siano condizioni distinte. I risultati sono stati pubblicati oggi nell’edizione online della rivista ‘Science Translational Medicine’.

Kandel ha ottenuto il Premio Nobel per la medicina nel 2000 proprio grazie alle sue ricerche sulle basi fisiologiche della conservazione della memoria nei neuroni. Il nuovo studio era stato progettato per cercare prove dirette del fatto che la perdita di memoria correlata all’età differisce dall’Alzheimer. I ricercatori hanno iniziato effettuando un’analisi dell’espressione genica di cellule cerebrali post-mortem di una sottoregione dell’ippocampo che si chiama giro dentato, in otto persone fra 33 e 88 anni, prive di malattia cerebrale. Il team ha anche analizzato le cellule dalla loro corteccia entorinale, che servivano come controllo dal momento che questa zona del cervello non è influenzata dall’invecchiamento.

L’analisi ha identificato 17 geni candidati che potrebbero essere collegati all’invecchiamento del giro dentato. I cambiamenti più significativi si sono verificati in un gene chiamato RbAp48, la cui espressione è diminuita costantemente con l’invecchiamento di tutti i soggetti dello studio. La prova è avvenuta su modello animale: quando i ricercatori hanno geneticamente inibito RbAp48 nel cervello di topi giovani sani, hanno trovato la stessa perdita di memoria degli animali anziani. Quando è stata interrotta l’inibizione del RbAp48, la memoria dei topi tornata alla normalità. “Il fatto che siamo stati in grado di invertire la perdita di memoria legata all’età nei topi è molto incoraggiante”, ha detto Kandel.

“Certo, è possibile che altri cambiamenti nel giro dentato contribuiscano a questa forma di perdita di memoria. Ma per lo meno si dimostra che questa proteina è un fattore importante e si evince che la perdita di memoria correlata all’età è dovuta a un cambiamento funzionale nei neuroni, a differenza dell’Alzheimer in cui c’è una perdita significativa di neuroni”, conclude.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi