Tumori: provocati uno su 40 da e…

In almeno un caso su 40 i…

Le sigarette veicolano ceppi bat…

Le sigarette sono "ampiam…

Tumore ovarico, i poteri di miR-…

Nei casi di tumore ovaric…

Lipoproteina: si aggiunge alla l…

[caption id="attachment_6…

Trapianto di polmone da donatore…

Primo trapianto in Italia…

Il melanoma diagnosticato con un…

[caption id="attachment_9…

L'Alzheimer, si "tramanda" da ne…

Le proteine 'tossiche' al…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

Un gene alla regia del vivere sa…

[caption id="attachment_5…

Le lesioni parziali del midollo:…

Imparare a controllare i …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto meccanismo usato dal cervello per proteggersi

Identificato un percorso utilizzato dal cervello per cercare di proteggersi dalla tossicita’ del morbo di Alzheimer.


Lo ha annunciato un team di ricercatori della University of Western Ontario. La scoperta potrebbe essere sfruttata per futuri trattamenti. Gli studiosi hanno dimostrato che la tossicita’ del peptide beta-amiloide, principale colpevole dell’insorgenza della malattia, puo’ essere diminuita impedendo l’interazione con la proteina prionica.  Dai dati e’ emerso che quando la fosfoproteina 1 interagisce con la proteina prionica, impedendo l’interazione con il peptide beta-amiloide, protegge i neuroni. Aumentando o diminuendo i livelli della fosfoproteina 1 e’ possibile ridurre o incrementare la vulnerabilita’ dei neuroni agli attacchi del peptide. L’aumento della proteina nei topi e’, infatti, risultato associato ad una mitigazione e riduzione della tossicita’ del beta-amiloide. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of Neuroscience.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!