Nessun incremento significativo …

Lo confermano i dati …

Cellule staminali: la Cina ferma…

La Cina ha ordinato di fe…

Simeprevir approvato nell’Unione…

Simeprevir fornisce una n…

La faccia, vera rivelatrice dell…

La leggenda vuole che la …

Batteri resistenti: entro l'anno…

Entro un anno potrebbe e…

Geriatria: negli USA gli america…

Gli anziani americani di…

Cura, femminile plurale. Donne p…

Un incontro multidiscipli…

Allarme melanoma: casi raddoppia…

E' allarme melanoma nel n…

Fluttuazioni di geni non sempre …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: scoperto meccanismo usato dal cervello per proteggersi

Identificato un percorso utilizzato dal cervello per cercare di proteggersi dalla tossicita’ del morbo di Alzheimer.


Lo ha annunciato un team di ricercatori della University of Western Ontario. La scoperta potrebbe essere sfruttata per futuri trattamenti. Gli studiosi hanno dimostrato che la tossicita’ del peptide beta-amiloide, principale colpevole dell’insorgenza della malattia, puo’ essere diminuita impedendo l’interazione con la proteina prionica.  Dai dati e’ emerso che quando la fosfoproteina 1 interagisce con la proteina prionica, impedendo l’interazione con il peptide beta-amiloide, protegge i neuroni. Aumentando o diminuendo i livelli della fosfoproteina 1 e’ possibile ridurre o incrementare la vulnerabilita’ dei neuroni agli attacchi del peptide. L’aumento della proteina nei topi e’, infatti, risultato associato ad una mitigazione e riduzione della tossicita’ del beta-amiloide. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of Neuroscience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: