Ossitocina e comportamento sessu…

Le femmine di topo mostra…

Glioblastoma: una fusione di gen…

La proteina prodotta da u…

Alzheimer: diagnosi precoce ridu…

Sviluppata una nuova meto…

Ospedali pain free per grandi e …

Ben 2 bambini su 5 e 1 ad…

Ictus: doppia l'incidenza nei so…

Chi russa forte al doppio…

Malattie muscolo-scheletriche pe…

Le patologie di natura mu…

L'analisi esplorativa di fase II…

·  L’analisi su più di 1.…

Steatosi epatica: la quantità di…

[caption id="attachment_1…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

Tumori: il Veneto prima regione …

Per scoprire un tumor…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali: lo stomaco ne produce più quanto fin’ora ipotizzato

Un nuovo studio ha mostrato che lo stomaco produce naturalmente piu’ cellule staminali di quanto si pensasse, probabilmente per riparare i danni che nascono dalle infezioni, dai fluidi digestivi derivanti dal cibo che mangiamo.


Le cellule staminali possono trasformarsi in piu’ tipi di cellule specializzate, e gli scienziati stanno lavorando da anni per utilizzare questa capacita’ per riparare lesioni in tutto il corpo.neural_stem
Tuttavia, portare cellule adulte specializzate a tornare indietro al livello staminale e indurle a lavorare alla riparazione e’ ancora una sfida aperta. Gli scienziati provenienti dalla Washington University School of Medicine di St. Louis e dell’Utrecht Medical Center, nei Paesi Bassi, hanno riportato in un nuovo studiato pubblicato su Cell che una classe di cellule specializzate nello stomaco ritorna al livello di staminale piu’ spesso di quanto si pensasse.

”Sapevano gia’ che queste cellule riuscissero a tornare allo stadio staminale per riparare lesioni – ha spiegato Jason Mills, fra gli autori dello studio – il fatto che effettuano questa transizione piu’ spesso del previsto, anche in assenza di lesioni evidenti, suggerisce che potrebbe essere piu’ semplice del previsto ottenere le staminali da alcuni tipi di cellule specializzate”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi