Osteoporosi: nuove molecole aiut…

[caption id="attachment_9…

Tiroide: la memoria dei recettor…

[caption id="attachme…

L’inquinamento atmosferico aumen…

C’è uno stretto rapporto …

L'importanza del sonno sulla mem…

Il sonno rafforza la memo…

Vitiligine: vicini a nuova cura …

Ha funzionato la sperim…

Alzheimer: 60 anni di studi. Si …

[caption id="attachment_7…

L'ambiente circostante e' in gra…

[caption id="attachment_8…

Fegato, una nuova cura contro le…

Uno studio clinico intern…

Il polimorfismo dello Streptococ…

Cambia faccia rapidamente…

Immunoterapia oncologica: parte …

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia pediatrica: scoperta variante genetica associata al male

Una variazione genetica ereditaria e’ risultata fortemente associata al rischio di sviluppare una forma molto pericolosa di leucemia pediatrica.


Si tratta di una mutazione nel gene GATA3 apparsa correlata a un incremento delle probabilita’ di insorgenza della leucemia linfoblastica acuta dell’eta’ pediatrica. La scoperta e’ di un nuovo studio condotto da un team di ricercatori del St. Jude Children’s Research Hospital di Chicago, descritto su ‘Nature Genetics’.
La variante e’ apparsa associata ad un aumento del rischio della patologia, sottotipo dalla prognosi peggiore, di quasi quattro volte superiore. Un tratto che si trova piu’ frequentemente tra gli americani ispanici rispetto agli americani di origine europea: il quaranta per cento contro il quattordici per cento. Una significativa percentuale di pazienti con la variante del gene GATA3 mostra anche altre alterazioni, segni distintivi di questa leucemia, nei geni CRLF2, JAK e IKZF1 che regolano la crescita e la maturazione delle cellule del sangue.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi