Alzheimer: presto un semplice te…

Presto potrebbe essere di…

La Federazione degli Ordini non …

Roma, 5 luglio 2013 - Dal…

[Aduc]Proteina che blocca le sta…

Un biofarmaco intelligent…

Sindrome metabolica: quando si m…

Per la salute, quando si …

Cancro al seno nelle giovani don…

Il cancro al seno nelle d…

Scoperto ceppo E. coli che aumen…

[caption id="attachment_1…

Aggiornamento della scheda tecni…

Protezione del rischio ic…

Tamiflu: dopo esperienza contro …

[caption id="attachment_9…

Tumori: Radiofarmaci che "taggan…

Quello di poter mettere u…

USA: influenza si fa killer. Cac…

L'epidemia di influenza s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Influenza: il meccanismo del virus che infetta l’organismo

Un gruppo di ricercatori del Whitehead Institute ha scoperto che il virus dell’influenza e’ in grado di infettare l’organismo ospite uccidendo per prima cosa le cellule del sistema immunitario che sono in realta’ meglio attrezzate per neutralizzare i virus.


Di fronte a un virus, il sistema immunitario lavora per generare cellule capaci di produrre anticorpi perfettamente adatti a legarsi e disarmare l’invasore ostile. Queste cellule B specifiche secernono anticorpi che rallentano e, in prospettiva, eliminano il virus. Una popolazione di queste cellule conserva le informazioni necessarie per neutralizzare il virus e risiede nel polmone per scongiurare infezioni secondarie da ri-esposizione al virus per via inalatoria.  Sulla superficie di queste cellule B ci sono dei recettori virus-specifici ad alta affinita’ che si legano particelle virali per ridurre la diffusione virale. Mentre tali cellule dovrebbero servire alla prima linea di difesa del corpo, gli scienziati hanno scoperto che il virus dell’influenza sfrutta la specificita’ dei recettori delle cellule usandoli per entrare, per interrompere la produzione di anticorpi e in ultima analisi per uccidere le cellule. In questo modo, il virus e’ in grado di replicarsi efficacemente prima che il sistema immunitario possa predisporre una seconda ondata di difesa. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista ‘Nature’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: